Neve su tutta la regione. Giovedì scuole chiuse anche a Pescara

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

11535

VIABILITA' E METEO IN DIRETTA. Spazzaneve e spargisale in azione un pò in tutte le province. E' polemica a Chieti per i disagi avvenuti questa mattina. Ma dal Comune assicurano che è tutto in regola.





VIABILITA' E METEO IN DIRETTA.
Spazzaneve e spargisale in azione un pò in tutte le province. E' polemica a Chieti per i disagi avvenuti questa mattina. Ma dal Comune assicurano che è tutto in regola.





Oggi mercoledì 18 febbraio 2009 a causa della neve che dalla notte cade su l'Aquila, le scuole cittadine di ogni ordine e grado stamani restano chiuse. Anche a Chieti il sindaco ha firmato l'ordinanza di chiusura di tutti i plessi scolastici per oggi e domani, giovedì.Lo ha disposto il sindaco del capoluogo, Massimo Cialente, con apposita ordinanza. Neve anche sulle autostrade abruzzesi A-24, A-25 e A-14, dove si viaggia con catene obbligatorie o pneumatici da neve. Stessi dispositivi per tutte le strade interne dell'aquilano.
La situazione è difficoltosa su tutta la regione, specialmente nelle zone interne. La neve è caduta anche a quote bassissime e su moltissime zone della costa. Nevica a Chieti, Pescara, Vasto, Giulianova.
La Polstrada consiglia moltissima prudenza e catene a bordo.
Scuole chiuse domani ad Atri, Nereto, Silvi, Lanciano, Fossacesia, Pescara, Montesilvano, Vasto San Salvo.

18/02/2009 8.05

ORE 9 DISAGI ANCHE A POPOLI E PENNE

La neve, stamane, e' arrivata anche sulla costa adriatica. I fiocchi hanno imbiancato Pescara e gli altri comuni rivieraschi senza creare particolari disagi alla viabilita'. Problemi, invece, si registrano nell'entroterra pescarese. Scuole chiuse a Penne dove si circola con gomme da neve. Nevica anche a Popoli e dintorni ed anche qui si circola con catene o gomme da neve

ORE 9 ALTO SANGRO

Nevica da ieri sera in Alto Sango e Valle Peligna, ma non si registrano particolari problemi alla viabilita' sulle strade interne.
Sulla statale 17, da Castel di Sangro fino a "Sella di Corno", al confine con Rieti, permane la prescrizione per i mezzi pesanti dell'obbligo di pneumatici da neve installati o catene a bordo. Sulla provinciale 652, che collega Castel di Sangro al chietino, dove e' in atto una debole nevicata, l'azione dei mezzi dell'Anas consente il transito veicolare senza difficolta'; e' tuttavia consigliato percorrerla con pneumatici da neve installati o catene a bordo.
In area Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, la coltre nevosa ha raggiunto i 20 centimetri, creando qualche disagio agli automobilisti nelle prime ore della mattina. Sulla strada statale 83, che collega la Marsica all'area Parco, e' consigliato il transito con pneumatici da neve o catene a bordo, da montare all'occorrenza in prossimita' dei valichi di "Passo del diavolo" e di "Barrea". Sulla provinciale 509, che collega l'Abruzzo al Lazio attraverso il valico di 'Forca d'acero', e' obbligatorio il transito con pneumatici da neve o catene a bordo.

ore 10, «L'EMERGENZA ERA NOTA, RICCI L'HA IGNORATA»

Non mancano polemiche a Chieti, dove stamattina la nevicata annunciata ha creato diversi disagi.
«Alla prima ed unica vera nevicata in tre anni», ha contestato il consigliere Mario Colantonio (An), «la città ed i lavoratori più previdenti sono rimasti forzatamente a casa, mentre quelli che si sono avventurati sono rimasti bloccati a via Picena, alla
Colonnetta ed in ogni altra strada dell'intera città completamente priva di un'azione preventiva o esecutiva del piano neve, se esiste».
Per il consigliere di minoranza «anche questa volta l'intero apparato gestionale e tecnico manutentivo del Comune ha fatto flop, forse perché tutti impegnati alla realizzazione delle opere del
Villaggio».
Per Colantonio «l'ondata di maltempo, nota a tutti, annunciata con bollettini della Protezione Civile sin da sabato 14 febbraio, è stata completamente ignorata dal sindaco Ricci e dalla sua efficientissima Giunta».

ORE 10.45 NEL VASTESE ANCHE 60 CENTIMETRI DI NEVE

Disagi alla circolazione lungo il tratto chietino della A14, dove il fondo stradale e' imbiancato e sono in azione in mezzi spartineve. La polizia autostradale di Vasto sud ha disposto il blocco dei mezzi pesanti con stazza superiore ai 75 quintali nei pressi del casello di Termoli. Si procede a passo d'uomo sulla corsia settentrionale, dove una lunga coda di camion segue gli spartineve della Societa' Autostrade che stanno liberando l'asfalto. La coltre bianca si va facendo sempre piu' spessa nei pressi del casello di Vasto nord, ma e' l'intero tratto compreso tra lo svincolo settentrionale della citta' adriatica ed Ortona ad essere completamente innevato. Nevica anche nell'entroterra, anche se al momento i vigili del fuoco non segnalano particolari problemi alla viabilita'. Nell'Alto Vastese, a Torrebruna si e' formato uno strato che ha gia' superato i 60 centimetri. Situazioni simili si registrano anche a Schiavi d'Abruzzo e Castiglione Messer Marino.

ORE 12 PROVINCIA DI TERAMO: FUORI TUTTI I MEZZI

Il piano neve della Provincia di Teramo è scattato questa mattina, intorno alle 5, in concomitanza con le prime abbondanti precipitazioni. In un'ora, in collina, la neve ha raggiunto i 15 centimetri di spessore (25-30 centimetri, invece, ai Prati di Tivo).
Il settore Viabilità dell'ente, che era in preallarme da ieri, ha utilizzato tutti e 28 i mezzi a propria disposizione e tutte le ditte esterne che sono uscite con 40 sgombraneve. Un centinaio, complessivamente, gli uomini impegnati nell'operazione.
Per quanto riguarda la viabilità provinciale, le operazioni di sgombero della neve sono in via di completamento e quasi tutte le strade risultano transitabili. A partire dal tardo pomeriggio, si provvederà a spargere il sale in via preventiva per evitare la formazione di lastre di ghiaccio.
Per ogni emergenza stradale, è possibile rivolgersi al numero verde messo a disposizione dalla Provincia (800017069) attivo 24 ore su 24.
«La situazione ora è sotto controllo – è il commento del vice Presidente con delega alla Viabilità, Giulio Sottanelli – anche se, per coprire i 1.800 chilometri di nostra competenza, abbiamo dovuto impegnare tutti i mezzi disponibili e per diverse ore. Raccomandiamo in ogni caso prudenza a tutti gli automobilisti».

ORE 13, PROVINCIA DI PESCARA MOBILITA UOMINI E MEZZI

Provincia mobilitata per rendere sicure le strade dall'emergenza neve. Tra spalaneve e spargisale sono infatti 27 (9 di proprietà dell'ente e altri 18 di privati al servizio dell'amministrazione) i mezzi e ben 72 gli uomini (42 dipendenti, tra cantonieri, capi zona e capi area più 30 “esterni”) entrati in funzione dalle 6 di questa mattina per rendere percorribili i 775 chilometri di strade della provincia dopo i primi fiocchi di neve caduti nella notte.
«Al momento», come spiega Antonio D'Angelo, dirigente del settore Viabilità, «le strade di nostra competenza sono percorribili, anche se con catene o pneumatici termici e dopo aver verificato il buono stato dell'auto. L'unico inconveniente è stato registrato sulla strada provinciale 30 Villanova-Cerratina dove un camion è finito di traverso bloccando la circolazione che però è stata ripristinata subito dopo. Per qualsiasi informazione o richiesta di soccorso è comunque disponibile 24 ore su 24 il numero verde 800401433 attivato dalla Provincia».

ORE 14, A CHIETI NEVE E PIOGGIA… DI POLEMICHE

«Alle 8,30, la città era paralizzata», denuncia il vicepresidente del consiglio comunale Umberto Di Primio (An). «Un serpentone di auto ed autobus si snodava dall'Albergo Abruzzo fino a San Giustino ed oltre. Un inferno che poteva e doveva essere evitato, che si sarebbe potuto evitare se solo l'amministrazione avesse tempestivamente reso operativo il piano neve e attivato la società che con una procedura affatto trasparente, ma per questo ho fatto una interrogazione, è risultata affidataria del servizio di spazzaneve e spargisale».
Secondo quanto denunciato da Di Primio «nonostante l'amministrazione dalla vigilia di Natale (2008) abbia affidato la gestione dello spazzamento neve e spargimento sale, questa mattina Chieti ha vissuto l'ennesimo disagio provocato da questi incapaci politici di centro sinistra.
Solo alle 10,00, circa, la viabilità ha iniziato ad essere “quasi” normale mentre la città, con evidente pericolo per i pedoni, continuava ad essere invasa dalla neve che, per fortuna, è caduta in modesta quantità».

ORE 15, SCIOCCHETTI: «PIANO NEVE HA FUNZIONATO»

«Anche quest'anno è stato studiato un Piano Neve che è scattato subito allorquando ha cominciato a nevicare permettendoci di tenere sotto controllo tutta la situazione fin dalle prime ore del mattino», ha assicurato il vice sindaco Mirta Sciocchetti, assessore alla protezione civile. «Infatti, da alcuni giorni, proprio a causa della possibilità di improvvise nevicate, era stata effettuata una consistente distribuzione di sale lungo le strade cittadine per prevenire , l'insorgere di problemi alla viabilità .
Ad onor del vero , gli unici disagi patiti sono stati prodotti da alcune autovetture di privati cittadini rimaste bloccate lungo alcune strade perché prive delle necessarie catene o gomme termiche.
Per il resto la situazione è stata sempre sotto controllo ed i mezzi , usciti prontamente , hanno potuto procedere come da programma cominciando a spazzare prima le strade con maggiore priorità fino ad arrivare a quelle più periferiche nel corso delle prossime ore».

18,44 GIOVEDì SCUOLE CHIUSE A PESCARA

Con provvedimento in corso di notifica il vice sindaco Camillo D'Angelo ha ordinato la chiusura delle scuole cittadine di ogni ordine e grado per la giornata di domani, giovedì 19 febbraio 2009, a causa delle avverse condizioni meteorologiche che, come risulta da avviso del Dipartimento della Protezione civile si protrarranno fino alle ore 13 di domani.



LE WEBCAM: LA SITUAZIONE IN ABRUZZO IN TEMPO REALE

A14 SILVI MARINA

A14 CITTA' SANT'ANGELO

A14 GIULIANOVA

A24-A25


A14 ORTONA-LANCIANO-VASTO




 


ROCCARASO



 


 SCERNI


 


AVEZZANO


 


MONTESILVANO


 




MONTE MORRONE




PIZZALTO



 


L'AQUILA





PESCOCOSTANZO




ROCCADICAMBIO



ROCCARASO AREMOGNA




ROCCA DI MEZZO




CAMPO FELICE




CANZANO




CAPPADOCIA (AQ)




GIULIANOVA




CASTEL DI SANGRO