Elezioni regionali, Antonio Tavani annuncia ricorso

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4698

FARA SAN MARTINO. Estrema soddisfazione e orgoglio, ma anche un pizzico di delusione e amarezza per aver sfiorato un traguardo che forse non è stato possibile raggiungere per alcune irregolarità.

Sono questi i sentimenti di Antonio Tavani, sindaco di Fara San Martino e candidato alle recenti elezioni regionali con la lista “Rialzati Abruzzo” in supporto al candidato presidente vincente Gianni Chiodi.
Tavani ha conquistato 2.764 voti, appena 30 in meno di Antonio Prospero, candidato anch'egli nella lista “Rialzati Abruzzo” ed eletto in Consiglio regionale.
«Abbiamo potuto riscontrare – afferma ora Tavani - numerosi casi di preferenze annullate, e dato che sono solo 30 i voti che mi separano da Prospero ho intenzione di fare ricorso e verificare l'effettiva regolarità delle operazioni di scrutinio».
Al di là di questa nota ‘stonata', che sarà comunque affrontata nelle sedi opportune, Tavani è estremamente soddisfatto del suo risultato. «2.764 voti guadagnati – sottolinea - in 70 paesi della provincia di Chieti sono un risultato straordinario, che voglio condividere con tutta la regione, con la provincia di Chieti, ma soprattutto con i Comuni del mio territorio, che mi hanno dimostrato grande stima e mi hanno dato il loro sostegno. Per me, per il nostro territorio e per tutti gli amici – aggiunge il primo cittadino di Fara - è un grande risultato e io ne sono fiero. Questo è un patrimonio di voti e di consensi che non è mio, ma di un comprensorio che vuole rimanere presente all'attenzione politica regionale, e lo ha fatto oggi attraverso la scelta caduta su di me e sugli altri amministratori presenti».
«Al momento – aggiunge Tavani - rimango fuori dal Consiglio regionale per soli 30 voti. Mi assumo la responsabilità di non essere riuscito a portare al seggio qualche amico in più – conclude Tavani – ma andrò fino in fondo per verificare con certezza se si è trattato di questo, o si sono invece verificati errori nei conteggi».
22/12/2008 12.36