Coldiretti, inaugurata la nuova sede di Sambuceto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2217

SAMBUCETO. La Coldiretti ha una nuova sede regionale a Sambuceto, nella zona industriale di San Giovanni Teatino, nei pressi di un'azienda di trasporti e di un noto concessionario di automobili.

Ad inaugurarla è stato Sergio Marini, il presidente dell'organizzazione agricola, mentre a fare gli onori di casa è stato Domenico Pasetti, presidente regionale di Coldiretti.
«Non sono importanti le mura della nuova sede – ha detto Pasetti nelle sue parole di saluto – ma quello che c'è dentro e cioè la volontà di difendere gli interessi del mondo agricolo e dei consumatori».
La nuova sede che va a sostituire le sedei provinciali di Chieti e Pescara, in attesa di ospitare anche Teramo e L'Aquila, accentra così i servizi e le associazioni di settore, unificando anche i dirigenti e diminuendo i costi generali dell'organizzazione.
Le domande dei giornalisti si sono incentrate sull'attualità dei consumi, sui prezzi dei prodotti tipici, sulla filiera corta e sulle iniziative della Coldiretti per il prossimo futuro.
«Oggi solo il 17% di quello che paga il consumatore va ai produttori. E la percentuale è in calo. Cioè i prezzi li decide la grande distribuzione senza tener conto dei redditi di chi produce – ha spiegato il presidente nazionale – dobbiamo invertire questa tendenza e lo faremo tentando di entrare nella filiera distributiva. Vanno bene i mercatini diretti, i gruppi di acquisto, le rivendite a kilometri zero, cioè tutto quello che serve ad aumentare il potere contrattuale della categoria dei produttori».
«Naturalmente l'attività sindacale resta al territorio – ha spiegato Pasetti – ma la politica con l'Europa la segue la struttura nazionale. In vista importanti iniziative sulla gestione dei fondi non utilizzati e recuperati dal governo e l'insistenza sulla politica dei prodotti tipici, sull'etichettatura e sull'abbassamento dei consumi e dei costi alla produzione».

s.c. 06/12/2008 10.05