Elezioni. Paolini ha firmato il decreto. Al voto il 14 e 15 dicembre

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2304

L'AQUILA. È stato firmato stamane presso l'ufficio del presidente della Corte d'appello dell'Aquila il decreto del presidente della Giunta regionale che rinvia le elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale al 14 e 15 dicembre prossimi.
Adesso è ufficiale ma forse non così certo: gli abruzzesi potranno
andare a votare il 14 e il 15 dicembre.
E' ufficiale perché questa mattina il presidente vicario ha finalmente
firmato il decreto ma la data resta comunque incerta perché il 10
dicembre il Tar dovrà pronunciarsi sul ricorso presentato da Alleanza
Federalista dopo l'esclusione.
Se dovesse essere riammessa anche quella lista? Ci si ritroverebbe
decisamente in un bel guaio e lo slittamento sarebbe inevitabile.
La firma del decreto che fissa la nuova data della consultazione
elettorale è arrivata oggi al termine di un procedimento politico-istituzionale e amministrativo che il vicepresidente vicario
ha avviato la settimana scorsa.
Il rappresentante della Giunta regionale ha infatti incontrato la
settimana scorsa il presidente della Corte d'appello, Mario Della
Porta, per concordare un percorso comune nella prospettiva di un
rinvio delle elezioni fissate per il 30 novembre e il 1° dicembre alla
luce della decisione del Tar di riammettere, anche se in via provvisoria, una lista elettorale bocciata dall'Ufficio circoscrizionale elettorale il 6 novembre scorso.
In ragione di questa novità, il vicepresidente vicario e il presidente
della Corte d'appello avevano deciso concordemente di sentire
informalmente i sei candidati alla presidenza della Regione Abruzzo.
Al termine è stato deciso il rinvio delle elezioni al 14 e 15 dicembre
in accordo con il presidente della Corte d'appello e il presidente del
Consiglio regionale, così come prevede lo Statuto della Regione
Abruzzo.
Nei prossimi giorni il decreto presidenziale verrà pubblicato sul
Bollettino ufficiale anche se gli effetti dell'atto, a differenza dei
provvedimenti legislativi, decorrono immediatamente dal momento della firma.
Forse tra venti giorni gli abruzzesi potranno tornare a votare e
rieleggere un nuovo consiglio regionale. Forse.

25/11/2008 12.40