Arriva la direzione regionale dell’Inpdap

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1408

PESCARA. L'Inpdap aprirà una direzione regionale in Abruzzo. Lo prevede la delibera del commissario straordinario dell'Ente, Paolo Crescimbeni, che, per il resto, contempla una "cura dimagrante" per dirigenti e uffici.
Entro il 2009, l'Istituto di previdenza dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche ridurrà complessivamente 38 uffici, di cui 6 di livello generale (prima fascia) e 32 di livello non generale (seconda fascia). Questa in sintesi la delibera del commissario straordinario dell'Inpdap, Paolo Crescimbeni. In questo modo gli uffici passano, rispettivamente, da 32 a 26 e da 213 a 181. Sono invece previste 7 direzioni regionali in più, tra cui quella abruzzese.
In particolare, spiega lo stesso Inpdap in una nota, «la cura dimagrante riguarda principalmente gli uffici della direzione generale» con numerosi accorpamenti di strutture, razionalizzazione delle funzioni cui deve adempiere l'Istituto, creazione di due nuove direzioni centrali.
Quanto alle direzioni regionali, sono in arrivo «grosse modifiche nella articolazione territoriale delle strutture».
Sono previste 18 direzioni regionali, di cui 11 rette da dirigenti di prima fascia e 7 costituite per la prima volta esattamente nelle regioni Liguria, Friuli Venezia Giulia, Marche, Umbria, Abruzzo, Molise e Basilicata, rette da dirigenti di seconda fascia. Confermato integralmente il numero degli
uffici provinciali e territoriali.

19/11/2008 12.23