Nascite: in Abruzzo bilancio demografico negativo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1740

L'AQUILA. Nel 2007 in Abruzzo - lo dice l'Istat- sono nati 11.428 bambini dei quali 5.806 maschi e 5.622 femmine.


L'AQUILA. Nel 2007 in Abruzzo - lo dice l'Istat- sono nati 11.428 bambini dei quali 5.806 maschi e 5.622 femmine.
Il mese in cui sono nati piu' bambini e' stato quello di ottobre. Il bilancio demografico, in Abruzzo, e' risultato negativo (i morti sono stati 13.700) con una crescita naturale per il 2007 pari a meno 1,6. La provincia con il bilancio piu' in negativo e' quella delll'Aquila (-3). Il tasso di natalita' in Abruzzo, sempre secondo l'Istat, per il 2007 e' stato 8,7 (inferiore alla media nazionale pari a 9,5 nati per mille abitanti).
La provincia con il tasso di natalita' piu' alto e' quella di Pescara (9,3 nati ogni mille abitanti) seguita da quelle di Teramo (9), Chieti (8,5) e L'Aquila (8).
Se e' stata confermata la tendenza del 2006, dobbiamo ipotizzare che siano nati in Abruzzo soprattutto dei Francesco e delle Giulia - questi infatti i nomi piu' gettonati nella regione- che possono contare su una speranza di vita rispettivamente di 78,6 e 84,6 anni, in linea con la media nazionale per i maschi, leggermente superiore per le femmine.
Anche in Abruzzo, cosi' come nelle altre regioni, si assiste adun cambiamento delle abitudini riproduttive. La cicogna, infatti, non tiene piu' molto conto dell'eta' della madre.
In Italia l'eta' media delle madri, italiane, e' intorno ai 31 anni. Aumentano le over 40 e diminuiscono, fortunatamente, le minorenni.
In Abruzzo, nel 2006, sono diventate madri soprattutto le donne tra i 30 e i 34 anni. E per 32 donne la cicogna e' arrivata dopo i 45 anni.
Ci sono parecchie differenze tra le madri italiane e quelle straniere. Le abruzzesi, aspettano un po' prima di fare figli (l'eta' media e' 31,9 anni) e quando decidono chiamano la cicogna una volta sola : il numero medio di figli per donna in Abruzzo e' infatti pari a 1,14 (meno della media nazionale 1,26).
Diverso il discorso per le donne straniere che, anche in Abruzzo, diventano madri prima (27,4 anni l'eta' media) e fanno piu' figli (2,31). Infatti, se nel 1999 ogni cento nati in Abruzzo 4,9 avevano almeno un genitore straniero oggi sono 11,7 i bambini con un genitore che non e' nato in Italia.

L'ETA' DEI PADRI

L'eta' media dei padri in Abruzzo (il dato riguarda italiani e stranieri insieme) e' invece intorno a 35 anni. In Abruzzo - le cifre sono del Cedap del Ministero della Salute- il 95 per cento dei parti avviene nelle strutture Pubbliche e il 5 per cento in quelle accreditate.
Molti i controlli eseguiti in gravidanza: quasi in 68 gravidanze su cento vengono effettuate piu' di 4 visite e il numero medio di ecografie per gravidanza e' pari a 6,1 - tra le piu' alte in Italia- anche se il Ministero della Salute indica in 3 ecografie il valore raccomandato.
Ogni cento donne in gravidanza, in Abruzzo, quasi 12 si sottopongono ad amniocentesi. Ogni cento parti, in Abruzzo, 43,3 avvengono con taglio cesareo e riguardano principalmente donne di cittadinanza italiana. Oltre la media nazionale (37,3) che e' gia' un valore molto elevato.

LA CICOGNA IN PROVETTA

A volte, la cicogna e' in provetta. Secondo il Ministero della Salute in Abruzzo si contano 4 centri in cui viene praticata la Procreazione Medicalmente Assistita, l'1,2 per cento di quelli presenti sul
Territorio Nazionale (in totale 342): due pubblici e due privati. Impossibile parlare delle nascite senza prendere in considerazione anche le interruzioni volontarie di gravidanza.
Nel 2007 le IVG in Abruzzo sono calate del 5 per cento rispetto all'anno precedente: e' tra i cali piu' alti in Italia. Sono stati eseguiti, infatti, 2.573 interventi contro 2.709 del 2006. Il tasso di abortivita' (tasso di aborto ogni mille donne tra i 15 e i 49 anni, l'indice piu' significativo) in Abruzzo e' stato per il 2007 pari 8,4 (-5 rispetto al 2006). E per finire l'obiezione di coscienza. Il 45 per cento dei ginecologi, il 40 per cento degli anestesisti e il 33 per cento del personale non medico nei servizi in cui si effettuano aborti in Abruzzo si sono dichiarati nel 2006 obiettori di coscienza.

05/11/2008 9.54