Amministrazioni non fannullone, spuntano fuori altre due storie

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2158

PESCARA. Sul sito internet del ministero della Funzione pubblica, nel forum "Non solo fannulloni" voluto dal ministro Renato Brunetta per segnalare i casi di buon governo delle amministrazioni italiane, sono segnalati due progetti della Provincia di Pescara.
Si tratta di "La semplificazione ed il decentramento delle procedure di spesa, impegni e liquidazione" proposto dal dirigente del settore economico-finanziario, Ebron D'Aristotile, e del "Nuovo modello di pianificazione, controllo e gestione" messo a punto del direttore generale dell'ente, Mario Collevecchio.
Il primo, come si legge sul sito del ministero, «ha portato alla definizione di nuove procedure di impegno e liquidazione che, attraverso l'utilizzo e l'implementazione di soluzioni organizzative ed informatiche, hanno permesso l'attivazione delle procedure di entrata e di spesa presso le postazioni dei singoli dirigenti/responsabili di servizi. Si e' così creato un decentramento gestionale a vantaggio della celerità nelle registrazioni contabili dell'ente e, di conseguenza, dei tempi di risposta della PA nei confronti delle richieste dei cittadini e delle imprese». Il secondo, invece «si basa sull'introduzione e sulla sequenza logica di
strumenti di pianificazione
, di programmazione, di organizzazione e di controllo articolata in macrofasi».
Nell'area "casi selezionati" del sito, all'indirizzo compaiono complessivamente dieci casi segnalati delle pubbliche amministrazioni abruzzesi: uno a testa della prefettura dell'Aquila, della Comunità montana Valle del Giovenco, della Regione Abruzzo, della prefettura teramana, e due a testa della Provincia di Pescara, della Provincia di Teramo e dell'Inps.
Soddisfatto il presidente dell'amministrazione provinciale pescarese,
Giuseppe De Dominicis, che sottolinea «il valore dell'attestazione di
stima che il ministero ha voluto dare al nostro ente, soprattutto al
lavoro che quotidianamente conducono i nostri dirigenti e dipendenti».

21/10/2008 17.30