Precari della Regione ancora pronti a scendere in piazza

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2265

Precari della Regione ancora pronti a scendere in piazza
ABRUZZO. I precari della Regione Abruzzo sono pronti a scendere nuovamente in piazza. Lo faranno martedì prossimo durante il prossimo consiglio regionale.
L'assenza di risposte in merito alla loro stabilizzazione, la quasi totale volontà di non affrontare il problema, secondo i diretti interessati, non sono più tollerabili.
«Ci chiediamo», scrivono i lavoratori in bilico, «dove sia finito il disegno di legge sulle misure per la stabilizzazione del personale precario nella Regione Abruzzo presentato a dicembre 2007 e discusso in Consiglio più volte, che ad oggi non è stato ancora approvato».
Una procedura di ordinaria amministrazione che segue le modalità dettate dalle Leggi Finanziarie 2007 e 2008 e che dà l'opportunità, quindi, all'Amministrazione Regionale di avviare il processo di assunzione «senza grandi difficoltà», dicono i lavoratori, «così come è stato portato avanti da altri Enti Locali e da altre Regioni».
I tempi ormai sono strettissimi e l'iniziale volontà, più volte ribadita, degli amministratori regionali di approvare la legge di stabilizzazione sembra inspiegabilmente esser venuta meno.
Martedì 21 alle ore 10:00, durante lo svolgimento del Consiglio Regionale, i lavoratori faranno sentire ancora una volta la loro voce:
tutti i precari abruzzesi, tutti i direttori e dirigenti regionali e tutte le sigle sindacali si ritroveranno «per far emergere il forte malcontento che non riguarda soltanto la pubblica amministrazione».
Licenziamenti, cassa integrazione, fabbriche ed aziende in chiusura, precari da troppo tempo in attesa di stabilizzazione: «questa è la situazione in cui verte oggi la nostra regione, qualcuno dovrà pur assumersi la responsabilità di darci risposte concrete in merito al nostro futuro».

18/10/2008 9.29



[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=17252]LO SCIOPERO DI UNA SETTIMANA FA[/url]