Ancora visite per Del Turco. Il 7 agosto la decisione del Tribunale del Riesame

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3758

Ancora visite per Del Turco. Il 7 agosto la decisione del Tribunale del Riesame
SULMONA. L'ex presidente della Regione dovrà attendere almeno fino al 7 agosto per sapere se il tribunale del Riesame ha accolto la richiesta del suo legale, Giuliano Milia, sulla scarcerazione. SANITA'. SACCONI: «E' TUTTO SOTTO CONTROLLO» ANCHE QUARTA SI E' DIMESSO
Già ieri è arrivato un primo no, quello per l'ex assessore alla Sanità Vito Domenici che dovrà rimanere ai domiciliari. Una scelta pesante che fa riflettere. Il castello accusatorio della procura, insomma, non traballa e pare che non ci siano le condizioni per eliminare le misure cautelari.
Le indagini vanno avanti e c'è il pericolo che gli indagati inquinino le prove.
Sarà così anche per il presidente? Per una risposta certa bisognerà aspettare l'udienza del riesame, fissata per il 7 agosto ma appare plausibile, comunque che potrebbe esserci al massimo una attenuazione della misura carceraria (passando ai domiciliari) piuttosto che una vera e propria rimessa in libertà.
Intanto questa mattina l'ex governatore ha avuto nuove visite al carcere di Sulmona dove è rinchiuso dallo scorso 14 agosto.
Del Turco ha riabbracciato la compagna, Cristina D'Avanzo, la figlia Manuela e i suoi due nipotini. L'incontro è durato quasi due ore.
All'uscita la compagna ha evitato di rispondere a qualsiasi domanda dei giornalisti mentre la figlia Manuela si e' limitata a dire che «papà sta bene e continua a coltivare i suoi hobby per passare il tempo».

7 AGOSTO DECISIVO ANCHE PER GLI ALTRI INDAGATI

Nello stesso giorno dell'udienza del riesame di Del Turco saranno esaminati i ricorsi presentati dai legali di tutti gli altri indagati colpiti da ordinanze di custodia e cioè: Lamberto Quarta, segretario, dimissionario, della presidenza della Giunta regionale; Camillo Cesarone, capogruppo del Pd, Giancarlo Masciarelli, ex presidente della Fira, Angelo Bucciarelli, ex segretario dell'assessore alla Sanità Mazzocca, Luigi Conga, ex manager della Asl di Chieti, l'ex assessore Antonio Boschetti al quale proprio ieri il gip Maria Michela Di Fine aveva rigettato l'istanza di scarcerazione.
Ed ancora Gianluca Zelli, ex presidente della Humangest e Francesco Di Stanislao, ex direttore dell'agenzia regionale sanitaria al quale era stato imposto di non dimorare a Pescara.

30/07/2008 14.15

TUTTO SULL'INCHIESTA DELLA PROCURA DI PESCARA


[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=16290&page=3]TUTTI GLI INDAGATI[/url]
LE ACCUSE A DEL TURCO
L'AIUTO DI PINO MAURO PER ARRIVARE AL PROCURATORE AMICARELLI
 MASCIARELLI CONTE DI CAVOUR, ERA LUI IL VERO ASSESSORE ALLA SANITA'
TUTTI I PAGAMENTI DI ANGELINI 
ANGELINI:«HO SEMPRE PAGATO A DESTRA E A SINISTRA»
VILLA PINI, «SOLDI SPARITI TRA VIAGGI E AUTO DI LUSSO»  VILLA PINI TUTTE LE IRREGOLARITA' DEI RICOVERI
PAOLINI: «DELIBERE AGGIUSTATE». SULLA DEUTSCHE BANK:«NON C'ERA URGENZA»
CARTOLARIZZAZIONE/1
CARTOLARIZZAZIONE/2
LA SPARIZIONE DEL VERBALE DAL WEB
IL VERBALE SPARITO, ANGELINI:«LO USAVANO PER RICATTARMI»
LA PROCURA:«ECCO PERCHE' ANGELINI E' ATTENDIBILE» 
LA BELLA VITA DI ZELLI: VIAGGI IN LIMOUSINE E ROLEX DA 90 MILA EURO



[pagebreak]

SANITA'. SACCONI:«E' TUTTO SOTTO CONTROLLO»


Lo ha annunciato poco fa il ministro del Welfare Maurizio Sacconi: si é avviata la procedura interna per la nomina del commissario alla sanità in Abruzzo.
Ormai un passo annunciato e confermato più volte nel corso degli ultimi 15 giorni ma questa mattina è arrivata l'ufficialità del primo provvedimento.
«E' tutto sotto controllo, per ora», ha commentato il presidente vicario Enrico Paolini: «e' quanto avevamo concordato, è l'iter interno al governo, cioé le comunicazioni ufficiali al premier Berlusconi e a Letta sull'avvio della procedura. Fitto mi ha confermato che sono partite le lettere per il commissariamento, che per noi resta di tipo tecnico, cioé per la ricerca di vie alternative all'aumento delle tesse».
«Prima di arrivare alla nomina del commissario», ha spiegato ancora Paolini, «ci sarà un passaggio in Conferenza Stato-Regioni e successivamente (presumibilmente a settembre) sarò invitato a partecipare a una seduta del Consiglio dei ministri che tratterà nel merito la questione e ne definirà gli obiettivi: solo allora il governo procederà alla nomina del commissario».
«Non dubito», ha concluso Paolini, «che il governo manterrà la parola data in relazione alla esclusione di nuove tasse a carico dei cittadini abruzzesi».
Il presidente vicario ha anche annunciato che venerdì 1 agosto, alle ore 11.30 incontrerà la stampa a Pescara (viale Bovio) per fare il punto sulla questione commissariamento.
In quella occasione sarà anche reso noto il nome del commissario dell'agenzia sanitaria regionale.
30/07/2008 14.16
[pagebreak]
ANCHE QUARTA SI E' DIMESSO

L'AQUILA. Con una lettera inviata al presidente vicario della Giunta regionale d'Abruzzo, Enrico Paolini, Lamberto Quarta ha rassegnato le dimissioni da presidente di Abruzzo Engineering Spa e da segretario generale della Presidenza della Regione Abruzzo.

Quarta era stato arrestato il 14 luglio scorso nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte tangenti nella sanita' abruzzese, che ha portato in carcere anche Ottaviano Del Turco, ex presidente della Regione.
Nel prendere atto delle dimissioni di Quarta, trasmesse dal suo legale di fiducia, Paolini ha dichiarato che provvedera' nei prossimi giorni ad «adottare gli atti conseguenti».
Appresa la notizia, la Federazione di centro ha scritto subito una lettera a Paolini in cui si chiede di «nominare subito il nuovo presidente di Abruzzo Engineering e cosi' riavviare il progetto sul rilancio
della Reiss Romoli ed indotto».
I Consiglieri della Federazione di Centro (Liberato Aceto, Angelo Di Paolo, Mario Amicone e
Antonio Verini) si sono rivolti per la seconda volta in pochi giorni al presidente vicario della Giunta regionale, Enrico Paolini, pregandolo di attivarsi per la soluzione definitiva dei gravi problemi della Reiss Romoli e delle aziende dell'indotto.
«Nulla osta», hanno scritto ancora, «all'immediata nomina del nuovo presidente di Abruzzo Engineering - osservano i consiglieri - per riavviare la societa' e completare il progetto di ristrutturazione e rilancio della ex Reiss Romoli, attualmente sospeso».

30/07/2008 14.42