Abruzzo: boom di richieste in aprile per il bonus fiscale ristrutturazioni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1634

ABRUZZO. Impennata primaverile di richieste per ottenere lo sconto fiscale del 36% sull’Irpef per le spese di ristrutturazioni edilizie. 513 sono infatti le comunicazioni di inizio lavori presentate dai contribuenti abruzzesi, nel mese di aprile 2008, al Centro Operativo di Pescara dell’Agenzia delle Entrate.


ABRUZZO. Impennata primaverile di richieste per ottenere lo sconto fiscale del 36% sull'Irpef per le spese di ristrutturazioni edilizie. 513 sono infatti le comunicazioni di inizio lavori presentate dai contribuenti abruzzesi, nel mese di aprile 2008, al Centro Operativo di Pescara dell'Agenzia delle Entrate. A oltre 10 anni dall'introduzione del bonus fiscale, il mese di aprile fa segnare il miglior risultato rispetto allo stesso mese della serie storica.
Ma aprile marca anche il migliore risultato dei primi quattro mesi dell'anno, con circa il 50% in più rispetto alle 341 comunicazioni del mese di marzo e con oltre il 60 e 80%, rispetto ai mesi di febbraio e di gennaio.
Con il dato dello scorso aprile salgono a 1.454 le richieste di bonus fiscale presentate dai contribuenti abruzzesi nel primo quadrimestre del 2008.
Mentre dal 1° gennaio 1998, data di entrata in vigore dell'agevolazione introdotta per favorire gli interventi di recupero e risanamento del patrimonio edilizio, il numero complessivo di richieste sale a 54.501.
I dati ripartiti per provincia collocano al primo posto ancora Chieti, con 467 comunicazioni, seguita da Pescara, con 374, Teramo con 323 e L'Aquila con 290.
Un'ultima curiosità statistica: in aprile, per prima volta, la provincia di Pescara fa registrare il miglior risultato rispetto alle altre province, 169 richieste di bonus, seguita da Chieti con 152 e L'Aquila e Teramo con 96 ciascuna.
La detrazione Irpef, prorogata fino al 31 dicembre 2010, si applica sulle spese effettivamente sostenute e si calcola su un limite massimo di spesa di 48.000 euro. Inoltre, rimane confermata la necessità di indicare in fattura il costo della manodopera.
04/07/2008 11.52