Progetto organizzazione procure esteso a tutte quelle abruzzesi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

910

ABRUZZO. Il progetto finanziato dalla Regione per la riorganizzazione ed il rafforzamento delle competenze negli uffici giudiziari, finanziato con il Por 2000-2006 sarà ampliato a tutte le procure abruzzesi, oltre che a quelle già in essere con l'Aquila e Pescara.
Lo ha reso noto l'assessore alla Formazione, Augusto Di Stanislao, che ha deciso di «raccogliere la nuova sfida promossa dal Ministero della Giustizia attraverso il progetto interregionale/transnazionale denominato Diffusione di buone pratiche presso gli Uffici giudiziari italiani», impegnando le risorse del Por 2007/2013 e annunciando a breve un incontro con i procuratori delle quattro province.
Con l'attivazione del progetto che ha interessato in via sperimentale le procure di l'Aquila e Pescara, l'Abruzzo risulta la prima, fra le regioni italiane, ad anticipare e rendere operativo il protocollo di intesa stipulato tra Ministero di Giustizia, Ministero della Funzione Pubblica, Regioni e Province autonome. L'iniziativa, risponde all'esigenza, sempre più avvertita, di avvicinare quel settore della Amministrazione Pubblica ai cittadini, agendo sia sui processi organizzativi sia sul rafforzamento delle competenze del personale che rappresenta la risorsa strategica più importante disponibile nelle Pubbliche Amministrazioni.
A considerazione dei risultati che sta maturando il progetto, sia sul piano del riassetto organizzativo degli Uffici giudiziari coinvolti, sia in considerazione dell'innovatività dei nuovi servizi offerti ai cittadini, l'Assessore Di Stanislao, ha deciso che le esperienze in corso possano divenire patrimonio comune anche agli altri Uffici giudiziari regionali.
«Il diffondersi di queste iniziative - ha concluso Di Stanislao - concorrerà a rafforzare il circolo delle buone pratiche, in parte già avviate, su tutto il territorio regionale, producendo, attraverso un miglioramento in termini di efficienza ed efficacia dei processi interni di gestione e trattamento delle pratiche giudiziarie anche attraverso l'utilizzo delle attuali tecnologie informatiche, importanti effetti a garanzia dei cittadini».
Tra le altre attività promosse, infatti, per migliorare il rapporto con tutti coloro che si rivolgono agli Uffici giudiziari è prevista la realizzazione di uno sportello virtuale che consenta non solo un dialogo continuo con l'esterno ma anche la richiesta e il rilascio automatico di certificazioni.

20/06/2008 8.54