Contenzioso tributario in Abruzzo nel 2007: il fisco vince nel 50% dei casi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1309

ABRUZZO. Migliora l’attività dell’Agenzia delle Entrate dell’Abruzzo sul fronte del contenzioso tributario: secondo i dati del 2007 il fisco ha avuto ragione per quasi la metà dei ricorsi depositati presso le commissioni tributarie provinciali e regionale.


ABRUZZO. Migliora l'attività dell'Agenzia delle Entrate dell'Abruzzo sul fronte del contenzioso tributario: secondo i dati del 2007 il fisco ha avuto ragione per quasi la metà dei ricorsi depositati presso le commissioni tributarie provinciali e regionale. Infatti, dall'analisi dei dati, emerge che delle 2.961 sentenze depositate nel 2007 dalle commissioni tributarie provinciali, riferite quindi al primo grado di giudizio, circa la metà, il 48,4%, sono state favorevoli all'Agenzia, mentre solo il 24,9% hanno avuto esito positivo per il contribuente. Le sentenze che invece hanno dato un esito parzialmente favorevole agli uffici del fisco sono state l'11,9%. Il restante 14,9% del contenzioso tributario è rappresentato dalla estinzione della lite per cessazione materia del contendere o per effetto delle sanatorie.
Non cambia la situazione per le liti davanti al giudice di appello. Nel 2007, delle 724 sentenze depositate, le pretese dell'Agenzia hanno trovato accoglimento nel 43,6% dei casi. Al contrario, il contribuente ha avuto ragione nel 37,3 % degli appelli. Più o meno invariata la percentuale, 11,2%, delle sentenze parzialmente favorevoli agli uffici finanziari mentre è cessata la materia del contendere e con essa la lite, nel restante 7,9% dei casi.
Dal raffronto dei dati del biennio 2006-2007, arriva la sostanziale conferma delle performance dell'Agenzia nelle udienze di primo grado, mentre è netto il miglioramento dell'attività di contenzioso avanti alla commissione tributaria regionale.
In particolare, infatti, se nel primo grado si registra un lieve incremento, pari allo 0,3%, di sentenze a favore all'Agenzia e uno 0,4% in più a favore del contribuente, molto più marcati sono i successi ottenuti nel grado di appello dove si è registrato, a favore dell'Agenzia, un incremento di ben 14 punti percentuali, laddove le vittorie del contribuente sono calate del 9%.
«I dati dello scorso anno - commenta il Direttore Regionale dell'Agenzia delle Entrate dell'Abruzzo, Filippo Orlandi - riflettono appieno l'impegno dell'Agenzia nell'esercizio dell'attività di difesa delle pretese tributarie. Su questo versante gli uffici finanziari sono impegnati nello sviluppo di uno specifico progetto, denominato “Qualità del contenzioso”, che nasce con l'obiettivo di migliorare ulteriormente tale attività attraverso la sempre più efficace costituzione in giudizio e la qualificata presenza in udienza. La fase della gestione della controversia in aula è, infatti, uno dei più importanti strumenti a disposizione dell'Agenzia per tutelare gli interessi erariali e non vanificare gli sforzi fatti nell'attività di accertamento dei fenomeni evasivi».

29/05/2008 11.53