Sanità, Del Turco da Letta: il consiglio regionale salta

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1426

L’AQUILA. Molte le notizie in arrivo oggi sul fronte della sanità. Alle 16 era in programma a Roma un vertice tra il governatore Del Turco e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, per una verifica del piano di rientro ed azioni conseguenti. Mentre è saltato il consiglio regionale sulla sanità. MARZETTI (ASL):«LA MAGISTRATURA APRA UNA INCHIESTA»
La Conferenza dei Capigruppo del Consiglio regionale ha rinviato a giovedi' prossimo, alle 15, la seduta straordinaria che, era stata convocata per oggi pomeriggio, sui debiti della sanita'.
La decisione e' stata presa durante una pausa della seduta ordinaria del Consiglio regionale ed e' stata motivata con la necessita' della presenza alla discussione del Presidente della Giunta regionale.

Ma le polemiche arrivano sferzanti anche dall'Aquila dove il manager della Asl invoca l'apertura di una inchiesta della magistratura.
Una presa di posizione del manager Roberto Marzetti, dopo l'annuncio ieri, da parte della Federazione di Centro, dell'avvio dell'iter procedurale per attivare una Commissione regionale d'inchiesta sulla Sanità aquilana.
«Tutti i documenti della Asl - scrive Marzetti - sono a disposizione di chiunque, poiché la trasparenza, da quando il sottoscritto gestisce la Asl, non è solo una parola, come spero molti cittadini avranno avuto modo di verificare».
Nello spiegare poi che «la querela nei confronti del sindacato non è per le critiche avanzate alla gestione ma per le insinuazioni relative alla gestione degli appalti e per le affermazioni relative ad “appalti milionari di cui non si riesce a cogliere la necessita” e l'utilità immediata ma i cui costi vanno sicuramente ad influire nella spesa sanitaria per la quale é chiamato a pagare più tasse».
Marzetti conclude affermando di avere agito non come Direttore Generale della Asl, «ma quale privato cittadino offeso nella morale».
«La rabbiosa ed irrituale reazione del manager Marzetti alla nostra richiesta di inviare gli ispettori alla Asl dell'Aquila – replica la Federazione di centro - ci convince del fatto che non solo gli ispettori devono essere inviati, ma pure al più presto. In tal senso abbiamo formulato formale richiesta all'assessore Mazzocca, ed abbiamo avviato la procedura per l'istituzione di una Commissione d'inchiesta sulla Sanità aquilana nell'era Marzetti».
«Forse Marzetti, manager pubblico nominato dalla regione», aggiungono Verini, Aceto, Angelo Di Paolo, «non sa che è prerogativa istituzionale del Consiglio, e dei suoi membri, quello di svolgere attività ispettive ordinarie o straordinarie nei confronti degli Enti strumentali e delle Asl. E' il consiglio che può esercitare poteri ispettivi nei confronti della gestione Marzetti, mentre non è vero il contrario. Marzetti non si deve in alcun modo permettere di sindacare le attività del Consiglio regionale».

Intanto ci saranno anche l'assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca, e il segretario generale, Lamberto Quarta, all'incontro che domani, alle ore 18:30, il presidente della Regione, Ottaviano Del Turco, avrà con il sottosegretario all'Economia, Giuseppe Vegas, sul piano di rientro del deficit della sanità.
La convocazione dell'incontro da parte del Sottosegretario riguarda in particolare le regioni Abruzzo e Lazio con le quali bisognerà fare il punto sullo stato dei rispettivi piani di rientro, anche in relazione alla lettera dell'8 maggio scorso che l'ex presidente del Consiglio, Romano Prodi, inviò ai due presidenti di regione sulla necessità di un incremento dell'imposizione fiscale legata ai deficit dei sistemi sanitari registrati nel 2006 e 2007.
Al tavolo governo-regioni saranno presenti il ministro degli Affari regionali, Raffaele Fitto, il presidente della Conferenza delle regioni, Vasco Errani, e i responsabili del comparto sanità e bilancio delle due regioni.


DEL TURCO:«IL GOVERNO CI HA PROMOSSO»

«Sono soddisfatto del fatto che il Governo abbia riconosciuto la validità di ciò che stiamo facendo per quanto riguarda il piano di rientro del deficit della mia regione in campo sanitario, che ammonta al momento a 100 milioni di euro».
Lo ha afferma il governatore dell'Abruzzo Ottaviano Del Turco al termine dell'incontro a Palazzo Chigi con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta, il sottosegretario all'Economia Giuseppe Vegas e il ministro degli Affari Regionali Raffele Fitto.
«Non vorrei - osserva Del Turco - che l'Abruzzo dovesse pagare per l'indebitamento precedente alla mia gestione, caratterizzato peraltro da un lungo periodo elettorale».
Sull'eventuale applicazione di extra addizionali, Del Turco ha spiegato che questo sarà oggetto domani sera di un incontro con il ministro Fitto, il sottosegretario Vegas, e con il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, a cui parteciperà anche il presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo.

27/05/2008 18.08