In Abruzzo 20mila persone colpite da ictus: 1,8 mln per la stroke unit

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1432

ABRUZZO. E' di un milione e ottocentomila euro la somma destinata dalla Regione per il triennio 2007-2009 alla realizzazione della rete neurologica per le stroke unit, centri di terapia per malattie cerebrovascolari acute ed in particolare per pazienti colpiti da ictus cerebrale. IN ABRUZZO SERVIZIO DI EMERGENZA VETERINARIA
Lo ha annunciato l'assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca, in occasione della presentazione della Giornata nazionale contro l'ictus che sarà celebrata domenica 18 maggio.
In Abruzzo sono già operative le stroke unit di Pescara, L'Aquila e Lanciano.
In corso di organizzazione sono invece i centri di Chieti, Teramo e Avezzano. Gli abruzzesi colpiti ogni anno da ictus sono all'incirca ventimila.
«Fin dall'insediamento dell'attuale governo regionale abbiamo lavorato alla costruzione di una rete neurologica di stroke unit - ha ricordato l'assessore - questo obiettivo è inserito a pieno titolo nel piano sanitario regionale 2008-2010, prevedendo investimenti su personale specializzato, tecnologie, attrezzature e organizzazione, necessari alla terapia dell'ictus e alla riabilitazione delle persone che ne sono colpite».
Inoltre Mazzocca ha ricordato che «oltre l'Abruzzo solo poche altre regioni hanno attivato un sistema di rete per la cura dell'ictus e la riabilitazione dei pazienti, secondo un metodo organizzativo e di lavoro omogeneo che produce risultati importanti a beneficio dei pazienti, favorendo cure e continuità assistenziale, importanti per la riduzione dei danni provocati dall'ictus e degli stessi costi sociali della malattia».

IN ABRUZZO SERVIZIO DI EMERGENZA VETERINARIA

Regione Abruzzo e Università degli Studi di Teramo attiveranno un servizio di emergenza veterinaria finalizzato a prestare assistenza e ricovero ad animali ritrovati sul territorio regionale, in modo assolutamente gratuito.
Questo quanto prevede la convenzione tra la Regione e la Facoltà di Medicina veterinaria dell'Università teramana presentata stamane dall'assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca e dal Rettore dell'ateneo, Mauro Mattioli.
La Facoltà veterinaria, tramite il Dipartimento di Scienze cliniche veterinarie ed il suo ospedale veterinario, s'impegna a garantire assistenza clinica e chirurgica gratuita a tutti gli animali ammalati, feriti o comunque incidentati, senza proprietario o di cui non sia possibile reperire il proprietario, ritrovati sul territorio regionale e per i quali l'assistenza offerta dai servizi veterinari delle Asl non sia sufficiente a garantire idoneo trattamento medico-chirurgico, nonchè la degenza dell'animale per il periodo necessario ad una sua riabilitazione.
La Regione, per sopperire ai maggiori costi sostenuti per l'attivazione e la gestione continuativa del servizio di emergenza, riconosce alla Facoltà di Medicina veterinaria un finanziamento annuo di 78.400 euro, da impiegare a sostegno di 6 borse annuali, necessarie all'organizzazione dello stesso servizio.
«La convenzione presentata è il segno di una collaborazione che prosegue e si rafforza tra la Regione e le Università abruzzesi - ha spiegato l'assessore Mazzocca - in particolare vengono consolidati i rapporti di collaborazione con le tre facoltà di medicina, compresa dunque quella di veterinaria, che sono una risorsa preziosa per l'Abruzzo, per la loro attività di formazione, di specializzazione e di ricerca».

17/05/2008 9.05