Sanità, il 27 consiglio regionale straordinario

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1284

L'AQUILA. Il presidente Marino Roselli ha convocato una seduta straordinaria del Consiglio regionale per martedi' 27 maggio alle ore 15,00 a L'Aquila (palazzo Emiciclo).

All'ordine del giorno dei lavori un solo argomento: comunicazioni verbalizzate del Governo centrale sull'esito della riunione tenutasi il 26 marzo 2008 per la verifica del piano di rientro dei disavanzi dei bilanci regionali della Sanità.
Nelle scorse ore, invece, si sono riunite a Pescara le segreterie unitarie di Cgil, Cisl, Uil Abruzzo per esaminare la situazione regionale in vista dell'incontro tra la Giunta Regionale e le parti sociali in calendario per lunedì 19 maggio.
I sindacati contestano e giudicano «improponibile» l'adozione di una misura quale l'ulteriore incremento della tassazione regionale, «già ad un livello insopportabile: una simile cura ucciderebbe il paziente».
Le segreterie confermano che se non rientrerà la minaccia dell'ulteriore aumento delle tasse in Abruzzo, proclameranno lo sciopero generale regionale e apriranno «una fase di mobilitazione e conflitto».
«L'aumento ulteriore dell'Irap», ha commentato invece Calogero Riccardo Marrollo, presidente Confindustria Abruzzo, «comprometterebbe la competitività del sistema imprenditoriale e i livelli occupazionali abruzzesi oltre ogni limite sopportabile».
Marrollo ha sottolineato inoltro che oltre a quello dell'Irap «vi sono altre questioni, che vanno ad appesantire gravemente la situazione abruzzese, che invece sono di diretta gestione della Regione e che richiedono immediata soluzione. Ci riferiamo ad esempio alla proposta, da parte della Regione, di introdurre in Abruzzo una tassa sull'emungimento delle acque minerali come se le imprese di questa regione non fossero già gravate da un carico fiscale già superiore rispetto alle altre regioni».
«Si vuole veramente che l'economia regionale si fermi», domanda Marrollo, «che le imprese rinuncino ad investire e a creare occupazione o che vadano a farlo in altri lidi?»

15/05/2008 15.23