13 le bandiere blu che sventolano in Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2795

ABRUZZO. Boom di riconoscimenti per le spiagge abruzzesi. Quest'anno le Bandiere Blu, il vessillo che premia il mare doc, hanno sfondato quota 104 in tutta Italia, otto in più rispetto alle 96 località premiate lo scorso anno e le 90 del 2006. L'Abruzzo si è aggiudica 13 bandiere ed è tra le prime regioni d'Italia.
In Abruzzo si sono aggiudicati la bandiera blu 2008 Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, Giulianova (lungomare nord e lido Zara), Roseto degli Abruzzi, Pineto-Scerne (Villa Fumosa-Villa Ardente/Torre Cerrano).
Poi ancora Silvi (arenile sud-L.mare centrale-T.re Cerrano), Francavilla al Mare, San Vito Chietino (calata Turchino-Molo sud), Rocca San Giovanni, Fossacesia, Vasto-marina e punta Penna, San Salvo (L.mare Colombo).
Il mare abruzzese ottiene così 13 bandiere blu su un totale di 110 chilometri di costa e 19 comuni costieri. I riconoscimenti sono stati assegnati questa mattina a Roma dalla Fee (Fondazione per l'Educazione Ambientale.
«L'Abruzzo - ha sottolineato il vicepresidente della Giunta regionale con delega al Turismo, Enrico Paolini - si conferma ancora una volta la regione blu d'Italia, registrando la più alta densità di Bandiere Blu».
Paolini parla con soddisfazione di un «risultato eccezionale frutto di un buon lavoro di squadra».
«Il mare abruzzese si conferma principe della salvaguardia dell'ambiente», ha commentato invece Di Giuseppantonio (Anci).


Visualizzazione ingrandita della mappa

LA SITUAZIONE IN ITALIA


I 104 Comuni italiani che hanno ottenuto la bandiera blu sono rappresentati da 215 spiagge, circa il 10% delle spiagge premiate a livello internazionale.
E ancora una volta, a livello del Bacino del Mediterraneo, l'Italia si colloca in ottima
posizione fra le prime dieci in graduatoria.
Il primato 2008 spetta ancora alla Toscana, quest'anno a pari merito con le Marche con 15 bandiere.
La Liguria arriva a 14 mentre l'Abruzzo si porta a 13.
Due in più per la Campania ora a quota 11 (dalle 9 del 2007).
Una in meno, invece, per l'Emilia Romagna che scende a 8; quindi una bandiera in più sia per la Puglia che per il Veneto che salgono a 5, così come per la Sicilia, che arriva a 4, e per la Calabria che a quota 3 raggiunge il Lazio che viceversa ne perde una; il Friuli Venezia Giulia e il Molise riconfermano le 2 dell'anno scorso, raggiunte dalla Sardegna che ne conquista 1, per finire con Piemonte e Basilicata, con 1 sola Bandiera Blu.
Le Bandiere Blu 2008 sono state assegnate dalla Fee (la Fondazione per l'educazione ambientale) in collaborazione con Cobat (Consorzio Obbligatorio per la raccolta delle batterie esauste) ai comuni rivieraschi e agli approdi turistici e presentate questa mattina a Roma, nel corso della cerimonia di premiazione

E C'E' CHI CRITICA LE BANDIERE BLU



L'associazione Impronte di Giulianova contesta invece i riconoscimenti. «Ogni anno si ripete, noioso e stantio, il rituale della consegna delle Bandiere Blu ai Comuni premiati dalla FEE.
Ed ogni anno torniamo a puntualizzare che la Bandiera Blu è soltanto una trovata pubblicitaria e che la sua attribuzione non è suffragata da alcuna attendibilità scientifica», commenta l'associazione.
«Che la Bandiera Blu sia una medaglia di cartone, del resto, non lo sosteniamo soltanto noi», continuano i portavoce di Impronte, «ma, da qualche anno, anche il Capogruppo dei Verdi al Parlamento Europeo, Monica Frassoni, ed alcune tra le principali associazioni ambientaliste come il Wwf e Legambiente».

07/05/2008 13.57