«La Regione ha perso gli aiuti per le aziende agricole svantaggiate»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1659

LA DENUNCIA. ABRUZZO. Da quando esiste la Politica Agricola Comunitaria (P.A.C.), cioè dagli anni sessanta, non si era mai verificato che la Regione perdesse una annualità degli aiuti economici che la Unione Europea mette a disposizione delle aziende agricole che operano nelle zone montane e svantaggiate.
Purtroppo nello scorso anno 2007 ciò si è verificato. A denunciare la situazione è Berardo Silvestri, già vice presidente Arssa.
«Non sono stati erogati», spiega Silvestri, «dall'assessorato all'Agricoltura i fondi relativi alle ex misure “E” ed “F” del Piano di Sviluppo Rurale, rispettivamente “Indennità Compensative e Prati-Pascoli”».
Si tratterebbe di una somma considerevole pari a circa 9 milioni di Euro per il 90% destinati agli allevatori ed agli agricoltori delle zone interne, «già stremati dalla siccità e dalle ricorrenti crisi di mercato del quale rappresentano l'anello debole», ricorda Silvestri.
Ma perché è accaduto? «Tutto ciò è stato possibile in quanto il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 messo a punto dalla attuale giunta regionale e trasmesso a Bruxelles per l'approvazione finale era pieno di errori tanto che la Commissione Agricoltura Europea lo ha osservato in ben novantanove punti, questo ha fatto si che il definitivo via-libera è arrivato solo il venti Dicembre del 2007, determinando appunto la perdita di tutti i finanziamenti relativi allo stesso anno».
La regione Abruzzo è stata la penultima in Italia ad aver avuto l'approvazione della U.E. «dimostrando un pressappochismo ed un dilettantismo senza pari», aggiunge Silvestri, «peggio di noi ha fatto solo la Regione Molise».
Chi risarcirà le aziende agricole e zootecniche per il danno subito? «E' lecito attendersi che l'attuale assessore regionale all'agricoltura Verticelli dia una adeguata risposta agli operatori agricoli abruzzesi, tanto più se si considera che innumerevoli volte tutti gli attuali Amministratori regionali, a cominciare da Presidente Del Turco, hanno dichiarato di avere particolarmente a cuore le sorti del territorio interno».
05/04/2008 11.27