Il convegno, «la sostenibilità come necessaria forma di sviluppo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2168

PESCARA. Garantire lo sviluppo economico rispettando l'equità sociale e la compatibilità ambientale: è "L'Abruzzo che si può – La sostenibilità come forma di sviluppo", titolo del convegno promosso dall'associazione Abruzzo Sostenibile, che si terrà sabato 5 aprile, a partire dalle ore 10:30, nell'Auditorium "Petruzzi" di via delle Caserme a Pescara.
Abruzzo Sostenibile – associazione nata lo scorso anno a Montesilvano dall'iniziativa di un gruppo di giovani interessati a mettere le proprie professionalità al servizio della collettività – vuole così proporre un modo nuovo di guardare al futuro della nostra regione, che si ispiri a virtuosi modelli di sviluppo sostenibile avvalendosi del contributo dei più brillanti esponenti del mondo accademico, professionale, civile e politico, nazionali ed internazionali.
All'incontro interverranno il professor Achille Renzetti, ricercatore ENEA; Peter Vadasz, sindaco di Güssing, città austriaca vincitrice dell'Ecological Global Award; l'onorevole Carlo Costantini dell'Italia dei Valori; il professor Giampiero Di Plinio, ordinario di Diritto Pubblico e Diritto dell'Ambiente dell'Università "d'Annunzio" di Chieti-Pescara; il presidente regionale del WWF, Dante Caserta. Aprirà il convegno la proiezione di un video sulla sostenibilità del video-maker Leonardo Dooderman.
«Lo sviluppo economico – sottolinea il presidente di Abruzzo Sostenibile, Attilio Di Mattia – non è necessariamente incompatibile con la sostenibilità ambientale e sociale. Spesso si ritiene, erroneamente, che i due elementi siano in contrapposizione. Noi crediamo, invece, che l'uno possa essere strumentale all'altro, e in particolare che la sostenibilità possa diventare motore dello sviluppo. Bisogna quindi uscire dall'equivoco per cui la crescita e la modernizzazione del nostro paese sarebbero in conflitto con le ragioni della solidarietà e dell'ambientalismo».
La ricetta di Abruzzo Sostenibile sta nel corretto utilizzo degli strumenti finanziari, pubblici e privati. Il presidente Attilio Di Mattia non ha dubbi in proposito: «Si può far leva su strumenti di finanza strutturata – aggiunge – per investire in progetti eco-sostenibili che risultano molto vantaggiosi per gli operatori economici. Per una prima esemplificazione, basti pensare che tali progetti sono il più delle volte soggetti a forme di detassazione e favoriscono sempre un positivo ritorno di immagine. Entrambi i fattori, poi, producono un aumento nel rendimento dell'investimento stesso».

01/04/2008 10.16

[url=http://www.abruzzo-sostenibile.org/?site=eventi]GUARDA IL PROGRAMMA DELL'EVENTO[/url]