Prima casa, progetto di legge per garantire prelazione per l’acquisto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2029

ABRUZZO. La proposta, presentata in Consiglio Regionale da Walter Caporale, Capogruppo dei Verdi, ha ricevuto il sostegno di tutto i gruppi presenti in Consiglio Regionale. La proposta di legge è stata firmata, oltre che dai consiglieri della Sinistra L’Arcobaleno anche dai Consiglieri del Partito Democratico per un totale di 17 firmatari.



ABRUZZO. La proposta, presentata in Consiglio Regionale da Walter Caporale, Capogruppo dei Verdi, ha ricevuto il sostegno di tutto i gruppi presenti in Consiglio Regionale. La proposta di legge è stata firmata, oltre che dai consiglieri della Sinistra L'Arcobaleno anche dai Consiglieri del Partito Democratico per un totale di 17 firmatari.Il presente Progetto di Legge ha l'obiettivo di garantire il diritto di prelazione all'acquisto della casa , ove l'inquilino ha vissuto per molti anni da affittuario e che ha organizzato la propria vita e la propria esistenza in quel determinato immobile nell'ipotesi di vendita del bene locato.
Gli attuali locatari degli immobili di proprietà di molti enti pubblici (come le Asl) sono in gran parte persone appartenenti a categorie socialmente ed economicamente svantaggiate.
Molti dei locatari degli immobili sono tutti residenti negli alloggi locati ed usufruiscono degli immobili locati quale prima ed unica casa.
Alcuni, inoltre, risultano essere anziani ultrasessantacinquenni, diversamente abili e affetti da gravi patologie e con redditi bassi.
«La tutela del diritto alla casa», spiega Caporale, «è un fatto politico, d'urgente e drammatica rilevanza sociale. La presente proposta di modifica alla Legge Regionale n. 47/2006 intende dare, non un privilegio ma una forma di tutela ai cittadini Abruzzesi che si vedono negato il diritto alla casa, che rientra nella sfera dei bisogni primari. I Consiglieri Regionali firmatari della proposta di legge, intendono dunque dare una risposta concreta alla domanda sociale dei cittadini Abruzzesi, in primo luogo della casa, domanda che oggi viene dalle fasce di popolazione basse o medio basse, da anziani, da persone diversamente abili. Quello alla casa è un diritto fondamentale, per tutti, uomini e donne che vivono, lavorano, costruiscono relazioni e affetti».
Così «al fine di dare attuazione a questi principi», si legge nella proposta, «la Regione Abruzzo si impegna affinché i locatari dei suddetti immobili , a parità di condizioni, dovranno essere, per legge, preferiti agli altri potenziali acquirenti, procedendo mediante il diritto di prelazione, all'alienazione dei beni immobili ricorrendo alla trattativa privata a favore dei conduttori degli immobili urbani locati ad uso abitativo».
20/03/2008 12.36