Aracu:«il Villaggio non sarà ultimato:siamo pronti a trasferirci a Montesilvano»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2665

PESCARA. Le polemiche tutte nostrane questa volta sono andate in trasferta. E così da una parte si è vista la solita sontuosità nell’annunciare “grandi eventi” che in questo caso sono i Giochi del Mediterraneo 2009, dall’altra la solita polemica sul Villaggio degli atleti di Chieti da sempre in ritardo sulla tabella di marcia.
Allo sfavillio patinato dei numeri e dell'iniziativa che sarà sportiva -per 10 giorni- si aggiunge lo stillicidio politico di botta e risposta sugli imprevisti e le battute d'arresto che hanno contornato da sempre questo argomento.
Così oggi Milano, alla Bit, il presidente del Comitato organizzatore dei Giochi del Mediterraneo "Pescara 2009", Sabatino Aracu, si è detto «molto scettico» che per quella data possa essere realizzato il villaggio per gli atleti.
«Ci stiamo guardando intorno per trovare una valida alternativa».
«Abbiamo pensato che se dovessero sorgere problemi – ha affermato Aracu - potremmo puntare sulla zona alberghiera di Montesilvano, adeguandola alle regole e alle necessità della manifestazione».
Il dubbio sarà sciolto lunedì prossimo quando si riunirà il Comitato organizzatore "Pescara 2009" per fare il punto della situazione.
Aracu ha poi annunciato una serie di iniziative e tappe di avvicinamento per promuovere i Giochi: una nave con la fiaccola
dei Giochi che partirà da Montecarlo e toccherà i principali porti del Mediterraneo e un treno che attraverserà tutta l'Europa oltre a numerosi eventi «sportivi e culturali di assoluto livello internazionale» che culmineranno con l'arrivo a Pescara della nazionale di calcio. L'occasione sarà quella dell'inaugurazione dello stadio Adriatico che ospiterà la partita Italia-Irlanda valida per le qualificazioni alla prossima Coppa del Mondo.
«L'avvicinamento ai Giochi - ha concluso Aracu - partirà con una grande manifestazione che terremo a Pescara il 26 giugno, esattamente un anno prima dell'inizio ufficiale dei Giochi».
Infine la mascotte della manifestazione sarà scelta tra i lavori realizzati dagli alunni e studenti delle scuole elementari e medie della regione.

DAL 26 GIUGNO AL 5 LUGLIO 2009

Dal 26 giugno al 5 luglio 2009 Pescara coinvolgerà i grandi protagonisti dello sport azzurro ed i migliori atleti provenienti da 23 Paesi del bacino del Mediterraneo che nei 10 giorni di gare si cimenteranno in 30 diverse discipline.
«Grande attenzione», è stato detto, «è stata posta nell'adeguare i 27 impianti sportivi che ospiteranno le competizioni, dislocate nell'intero territorio abruzzese. Lo Stadio Adriatico di Pescara sarà la casa dei Giochi: vi si svolgeranno le Cerimonie di Apertura e Chiusura, oltre che la finalissima del calcio e tutte le gare di atletica». Per il momento i lavori di ristrutturazione e adeguamento dell'impianto per un importo pari a 10 milioni di euro non sono ancora partiti.
Ma, oltre a Pescara, anche tutte le province abruzzesi saranno protagoniste con discipline specifiche assegnate e molti saranno i piccoli centri coinvolti sia come sede di gara che come base per gli allenamenti.

I NUMERI DI PESCARA 2009

4000 gli atleti in gara
1000 gli accompagnatori fra tecnici e dirigenti
900 gli ufficiali di gara
400 i cronometristi
200 i medici e assistenti sanitari
1200 i giornalisti stimati
7000 i volontari da coinvolgere
800 le medaglie da assegnare
100 il totale ore stimato come copertura televisiva
600 le auto utilizzate per transportation
250 i bus
70 le ambulanze attivate a presidio di tutti i siti di gara
5 gli elicotteri per monitoraggio del territorio e sicurezza

800MILA SPETTATORI

Gli organizzatori prevedono «800mila spettatori che assisteranno alle gare sportive in calendario. Il dato complessivo degli arrivi alberghieri, senza tenere conto di tutti gli eventi promozionali a Pescara precedenti ai Giochi, è stimato in 150mila camere».

22/02/2008 16.52