Regione, mancano 1,6 milioni per Unioni e Comunità montane

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

969

ABRUZZO. La Regione Abruzzo ha ridotto da 1.600.000 euro circa dello scorso anno a 200.000 euro i fondi stanziati per il 2008 a sostegno delle Unioni di Comuni e delle Comunità montane: a lanciare l'allarme è il coordinatore regionale per l'Anci delle Unioni di Comuni, Fabrizio Montepara, vice sindaco di Orsogna (Chieti).
Secondo Montepara «questo taglio di risorse sta già creando enormi difficoltà agli enti locali che, attraverso queste forme associative, sono in grado di erogare servizi ai cittadini, di utilizzare in modo razionale le risorse, nel segno del risparmio, dell'efficienza e dell'efficacia».
Il problema è stato affrontato insieme al presidente regionale dell'Associazione nazionale Comuni italiani (Anci), Antonio Centi, in un incontro a L'Aquila durante il quale è stato costituito il coordinamento regionale Anci delle sette Unioni di Comuni esistenti in Abruzzo. Hanno partecipato i rappresentanti delle Unioni della Marrucina, della Città della Frentania e Costa dei trabocchi, dell'area urbana Chieti-Pescara («Unica»), della Città-territorio della Val Vibrata, dell'Unione delle Colline Teatine, dell'Unione Gioia dei Marsi-Lecce dei Marsi e di quella del Sinello.
«Scopo del coordinamento – spiega Montepara –, come abbiamo sottolineato martedì scorso a Roma in una riunione del coordinamento nazionale Anci delle Unioni di Comuni, è di proporci con una voce unica nei confronti della Regione e delle Province. La scelta di far nascere e crescere un'Unione è vincente per il futuro, soprattutto per i piccoli Comuni che, da soli, non hanno risorse economiche e di personale sufficienti, spesso nemmeno per garantire la normale amministrazione. Questo sforzo andrebbe sostenuto, e non penalizzato come è accaduto con il taglio di fondi da parte della Regione».
Con la costituzione del Coordinamento regionale «saremo in grado – ha proseguito Montepara, vice presidente dell'Unione dei Comuni della Marrucina, in provincia di Chieti – anche di armonizzare i rispettivi progetti, confrontando le esperienze e i problemi delle singole Unioni, cercando di superare insieme le difficoltà».
Per il prossimo 21 febbraio è prevista la visita in Abruzzo del coordinatore nazionale delle Unioni di Comuni dell'Anci, Mauro Guerra, il quale incontrerà i rappresentanti dei 40 Comuni che aderiscono alle sette Unioni presenti nella regione.
31/01/2008 13.59