Anche in Abruzzo il Forum delle famiglie

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1081

ABRUZZO. Un fisco a misura di famiglia: è quello che chiedono da tempo le molte associazioni familiari presenti in Italia. Allo scopo è già partita una raccolta di firme da presentare al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Il loro Forum fino ad oggi ne riunisce più di cinquanta a livello nazionale e due giorni fa a Chieti é nata la sezione abruzzese. Un evento importante, come hanno sottolineato i rappresentanti degli undici movimenti e realtà associative presenti.
Ospite dell'evento, svoltosi all'Istituto di scienze religiose, è stato il Presidente del Forum pugliese, l'avv. Giuseppe Barbaro.
«Dal 2001, con la Riforma della Costituzione», ha ricordato Barbaro «le competenze relative alle politiche sociali sono passate in gran parte alle Regioni e agli enti locali con cui i forum regionali sono in contatto. In questo lavoro sono aiutati dal Forum nazionale».
Il presidente del Forum pugliese ha poi parlato delle finalità da perseguire ricordando che l'ultimo rapporto del Censis ha dipinto un'Italia i cui cittadini sembrano mucillagine, privi di un ethos condiviso e senza capacità di unirsi.
«In questo contesto si pone il nostro impegno per la famiglia, perché, come la famiglia si unisce intorno ai suoi membri sofferenti per malattia o difficoltà di vario genere, così accada nella società».
Nel corso dell'incontro sono state ricordate le parole di Giovanni Paolo II, che definì il Forum «un segno profetico».
Barbaro ha ricordato le stime di alcuni economisti, secondo cui un figlio costa circa settemila euro l'anno criticando il sistema delle detrazioni.
Infatti, mentre con le deduzioni, le imposte vengono pagate solo sul reddito imponibile, con le detrazioni si paga sul totale del reddito.
«Lo stesso discorso» ha sottolineato ricordando che la Costituzione stessa prevede il dovere per lo Stato di tutelare la famiglia «vale sia per le imposte nazionali sia per quelle regionali».
Secondo Barbaro il tema della politica fiscale è importante perché costituisce una sorta di portale per creare una politica familiare, grazie alla quale si potrebbero far nascere molte nuove famiglie.
L'incontro è stato anche l'occasione per riflettere sulla legislazione regionale abruzzese riguardante la famiglia. Ne ha parlato Dino Di Ruscio, membro della commissione regionale sulla famiglia.
«La legge regionale 95 del 1995», ha detto, «insisteva sul tema della sussidiarietà e sul ruolo della famiglia” ha detto “ma un anno fa l'assessore alle politiche sociali Betti Mura ne ha proposto una modifica di cui ad oggi non si è saputo più nulla».
Adesso si guarda ai prossimi appuntamenti: il più vicino è quello del 2 febbraio, giorno dell'assemblea nazionale del Forum delle famiglie a Roma. L'altro è quello con la raccolta di firme per il fisco a misura di famiglia, che vivrà il momento culminante il 2 marzo, quando si svolgerà una raccolta nelle piazze e nei luoghi d'incontro di tutta Italia, e che terminerà il 15 maggio con la consegna delle firme al Quirinale.

24/01/2008 8.47