Caldaie da rottamare, boom di richieste per i contributi regionali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1724

ABRUZZO. Sono un migliaio le richieste presentate dagli utenti abruzzesi alla Regione Abruzzo per usufruire dei contributi previsti a favore di chi intenda rottamare, o lo abbia già fatto, una vecchia caldaia.
Secondo il presidente regionale di Cna Installazioni e Impianti, Franco Muffo, inoltre, in queste settimane «un numero imponente di cittadini si è rivolto direttamente agli installatori ed agli operatori del settore impiantistico o agli sportelli della Cna per avere informazioni circa i benefici. L'incentivo economico concesso dalla Regione a chi rottama una vecchia caldaie a favore di una di nuova generazione “a condensazione”, meno impattante per le emissioni in atmosfera di CO², l'anidride carbonica, ha raggiunto gli obiettivi prefissati dalla legge e dal bando pubblico. E nonostante i termini per la presentazione delle domande siano già scaduti all'inizio di novembre, continuano ad arrivare ancora richieste di informazioni».
A detta della Cna Unione Istallazione e Impianti, la legge ha consentito di centrare due importanti obiettivi.
Il primo riguarda il risparmio economico sulla bolletta del gas: chi ha già sostituito la caldaia o lo farà potrà godere di un consumo ridotto a parità di calore, senza dimenticare il contributo economico diretto da parte della Regione, pari a 20 euro per ogni chilowattora istallato.
Non poco, anche in considerazione del fatto che i costi relativi al consumo dell'energia incidono profondamente sui bilanci di famiglie ed imprese.
La seconda riguarda il beneficio per l'ambiente: in breve tempo vi sarà una significativa riduzione di anidride carbonica in atmosfera, secondo le linee dettate dal Protocollo di Kyoto.
Scaduti i termini del bando regionale restano comunque a disposizione i contributi da parte dello Stato (55% di detrazione Irpef) per tutto 2007 e fino al 2010: riguardano sia gli impianti (caldaie, solare termico) che le coibentazioni per il contenimento della dispersione di calore degli edifici (serramenti, murature). Dunque, secondo Muffo, promozione a pieni voti per la misura varata dalla Regione: «Il ringraziamento va al lavoro e l'impegno dell'assessore all'ambiente Franco Caramanico, che ha saputo con una buona legge, e nonostante le risorse investite non siano enormi, aiutare gli abruzzesi a contenere i consumi e ridurre l'inquinamento».
30/11/2007 9.16