«30 sedi di Polizia verranno chiuse». I sindacati protestano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1380

ABRUZZO. Un piano di riorganizzazione che comporterà la chiusura di 30 uffici (13 della Polizia stradale e 17 della Polizia ferroviaria) in tutta Italia è stato presentato ieri al Viminale da dirigenti del Dipartimento di Pubblica sicurezza ai sindacati. Tutte le regioni vedranno sparire qualche loro ufficio.
Loro, ovvio, non l'hanno presa bene ed hanno annunciato battaglia, mentre Palazzo Chigi - dove in serata è stato ricevuto il capo della polizia, Antonio Manganelli – ha rassicurato: non ci saranno tagli alla Polstrada ed alle forze dell'ordine. Non diminuiranno quindi i controlli.
Il criterio per la chiusura, ha spiegato il segretario generale del Silp-Cgil, Claudio Giardullo, «é la presenza di più uffici di polizia nella stessa zona. Così, ad esempio, se c'é già un commissariato, si chiuderà l'ufficio della Polizia stradale presente nella stessa area.
Ma uffici che svolgono diverse funzioni - ha sottolineato - non sono sostituibili l'uno con l'altro: un commissariato fa cose differenti dalla polizia stradale».
In realtà, ha aggiunto, «si sta portando avanti un progetto di ridimensionamento delle forze di polizia sul territorio che, alla luce della crescente domanda di sicurezza che viene dai cittadini, preoccupa fortemente».
Della stessa opinione il segretario generale del Sap, Filippo Saltamartini, secondo cui sarà «sconvolto il livello della sicurezza sulle strade e sulle ferrovie. Se non ci fosse stata la Polfer ed Emanuele Petri, le Brigate Rosse avrebbero continuato ad uccidere. Non hanno pensato anche a questo il prefetto Rosini, capo della Stradale e della Polfer ed il ministro Amato?».
Critiche sono arrivate anche dal Parlamento. «La sicurezza sulle strade - ha affermato Mauro Fabris (Udeur) - si ottiene potenziando i controlli e non riducendo il numero degli agenti di Polizia Stradale».
Jole Santelli (Fi) ha parlato di «tagli indiscriminati», dietro i quali manca una «reale strategia che garantisca comunque i presidi di polizia efficienti e l'innegabile diritto alla sicurezza da parte dei cittadini».

10/11/2007 10.09