2 milioni di lettori. 2 milioni di grazie

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

967

ABRUZZO. PrimaDaNoi.it festeggia così i due anni e 1 mese di vita. Un numero di consensi che cresce. E se ci sono voluti 16 mesi (i primi) per raggiungere il risultato di 1 milione di contatti ne sono bastati appena 4 per collezionarne altre 500mila.
I secondi 500 mila che ci portano dritti dritti ai 2 milioni sono stati toccati nel tempo record di 3 mesi e chissà cosa ci riserverà il futuro.
In questi anni di duro lavoro abbiamo cercato di aumentare ulteriormente la qualità del nostro prodotto, e siamo consapevoli che la strada per migliorarsi ancora è ripida e tortuosa.
Ma siamo ottimisti, perché voltandoci indietro vediamo un piccolo quotidiano (su cui abbiamo sempre creduto) che si sta facendo le ossa.
Sta crescendo, non senza bastonate, complimenti, forza e determinazione.
E oggi, a differenza di quel 26 settembre del 2005 in cui PrimaDaNoi.it è nato, non siamo soli.
Ci siete voi, lettori, che contribuite ad arricchire il nostro lavoro.
Aumentano in modo esponenziale, mese dopo mese, le vostre segnalazioni, i vostri commenti, le vostre critiche. E questo ci fa bene.
Sta cambiando anche la reazione della classe politica.
Se prima questo giornale era visto come un “giochino di ragazzi” adesso ci si muove incuriositi.
Si è capito che questa è informazione, che quello che viene scritto qui può arrivare dall'altro capo del mondo (e così arriva anche l'immagine di una regione che è abituata a fare marketing territoriale nella propria regione), che se PrimaDaNoi.it scrive, magari qualcuno a Roma si arrabbia e prende posizione.

Quello che non è cambiato è la diffidenza della classe politica che non conosce ancora bene con dimestichezza il mezzo virtuale e che non crede ancora nelle potenzialità di uno strumento libero e indipendente.
Ma non possiamo farci niente.
Loro hanno bisogno di tempo per capire…

Sono sempre di più gli utenti registrati, per un totale di oltre 8 mila commenti che vi (sì, siete voi) ha portato a diventare una delle più grandi comunità virtuali della regione.
E' qui che parlate, discutete, contestate, sbattete i piedi e a volte litigate con gli altri utenti.
PrimaDaNoi.it oggi è anche una specie di bar reale, dove leggere le notizie e commentarle insieme. Discutere animatamente. Ed è un piacere vedervi muovere in questo spazio pensato da noi proprio in questo modo.Anche se preferiamo quegli utenti che spesso aggiungono dettagli, informazioni piccole sfumature agli articoli pubblicati mentre detestiamo coloro che sprecano il loro tempo qui per sfogare i loro istinti attaccando, insultando altri utenti proprio come farebbero allo stadio…
Ma qui non è questione di tifo qui è questione di informazione e di emersione delle verità una fatica enorme ma che insieme a voi è una meta raggiungibile.
Ed è grazie ai tantissimi lettori che ci hanno scritto e ci chiamano che è stato possibile scrivere molte notizie, a volte delicate ma documentate.

E' qui che vi siete stretti a noi per la liberalizzazione del Bura.
Ci siamo riusciti insieme e vorremmo che di iniziative così ne nascessero ogni giorno.
Dunque adesso che tutti possono leggere gli atti della Regione passate un po' di tempo a spulciare delibere, concorsi, leggi e segnalateci particolarità e stranezze.
Aumentiamo il controllo sui “nostri dipendenti”, la trasparenza ora è maggiore di ieri, utilizziamola bene e magari l'Abruzzo sarà più vicino alla… Svezia
PrimaDaNoi.it è un giornale ma non solo.
E' molto di più, perché gode della vostra stima e della vostra partecipazione.
Quello che ci dispiace è che PrimaDaNoi.it non può vantare ancora un vero e proprio “scoop”.
Di notizie pubblicate solo da noi ne avete trovate tantissime ma questo purtroppo ad oggi, in tutta franchezza, non può considerarsi ancora un nostro merito… non ci possiamo certo vantare del silenzio altrui.

30/10/2007 8.37