Per la piaga degli incendi arriveranno fondi dal governo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1031

ABRUZZO. L'Abruzzo beneficerà delle iniziative del Governo nazionale per fronteggiare lo stato di emergenza nelle regioni colpite dagli incendi.
Lo ha precisato l'assessore alla Protezione civile, Tommaso Ginoble, annunciando che a «breve verrà pubblicata un'ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri che conterrà le disposizioni urgenti e che queste riguarderanno anche la nostra regione».
Ginoble, dunque, smentisce le notizie di stampa secondo le quali l'Abruzzo sarebbe stato escluso dall'elenco delle regioni beneficiarie, con ordinanza n. 3606 del Presidente del Consiglio dei Ministri del 28 agosto 2007, stigmatizzandole come «una cattiva informazione che non può che suscitare perplessità, considerati gli enormi sforzi, le risorse umane e strumentali che sono state messe in campo per fronteggiare i disastrosi eventi che hanno colpito la nostra regione».
Perciò aggiunge che è «doveroso correggere quanto riportato dalla stampa e rassicurare i cittadini abruzzesi, ed in particolare quelli del capoluogo, su quanto la Regione ha fatto e sta facendo sulla problematica».
«La Regione Abruzzo - dichiara ancora l'Assessore - già dopo i primi incendi di luglio, in considerazione dell'aumento delle temperature, le conseguenze della siccità ed un peggioramento dello scenario della pericolosità, ha richiesto lo Stato di emergenza che è stato tempestivamente dichiarato con Decreto del 27 luglio 2007 dal Presidente del Consiglio dei Ministri. Né si può parlare di ritardo o intempestività degli organi competenti - prosegue Ginoble - in quanto l'ordinanza in questione è stata frutto di approfondite discussioni ed intese con il Dipartimento per migliorare ed in parte modificare l'originale impianto della ordinanza n. 3606, in particolare per quanto riguarda i soggetti che attueranno tutte le iniziative per superare l'emergenza. Mi preme ribadire - conclude l'Assessore - che la sicurezza del territorio e della società regionale è tra le priorità di questo Governo regionale, e che tutto quanto è stato fatto fino ad oggi è stato finalizzato a questo obiettivo e proseguiremo in tal senso».

18/09/2007 14.52