Trabocchi, Verdi: «sì alla tutela, no alla trasformazione in ristoranti»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1515

Trabocchi, Verdi: «sì alla tutela, no alla trasformazione in ristoranti»
ABRUZZO. Va bene pensare alla salvaguardia e alle valorizzazione dei trabocchi, ma forse va meno bene trasformarli in ristoranti. La pensa così il consigliere regionale Walter Caporale dei Verdi che ha presentato una interrogazione all'assessore all'ambiente Caramanico.
«I trabocchi sono la testimonianza del perfetto connubio tra i mestieri di contadino e di pescatore che hanno caratterizzato nei secoli l'economia della costa», ha dichiarato Caporale, «sono il simbolo della nostra regione, una delle vere, uniche ricchezze incomparabili che potrebbero accrescere il turismo e l'occupazione lungo la nostra costa».
Ma quanto all'ipotesi di trasformarli in ristoranti per aumentare la loro visibilità, Caporale è scettico: «l'attività di ristorazione richiede adeguamenti igienico-sanitari che per forza di cose sconvolgerebbero l'aspetto estetico dei trabocchi?».
Per un ristorante attrezzato si dovrebbe pensare infatti alla realizzazione di impianti fognari, impianti elettrici, adeguamento ad uso cucina dei rimessaggi, «che potrebbero definitivamente modificare», continua Caporale, «sia la destinazione d'uso dei Trabocchi (che nascono per l'attività di pesca e che nelle piattaforme hanno dei casotti ad esclusivo uso di rimessaggio degli attrezzi della pesca), sia il loro aspetto estetico-paesaggistico che la Legge regionale 93/'94 tutela con l'istituzione di finanziamenti destinati alla manutenzione degli stessi».

07/07/2007 9.07