Prenotazioni Cup, Di Paolo: «prima del cambio la Regione si organizzi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1177

ABRUZZO. Il Capogruppo della Democrazia Cristiana al Consiglio Regionale, Bruno Di Paolo, ha presentato un'interrogazione all'assessore alla Sanità Bernardo Mazzocca, affinchè chiarisca con quali modalità verrà riorganizzato il sistema di prenotazione delle prestazioni ospedaliere (CUP), «autentica croce per i cittadini abruzzesi». Il consigliere torna così a chiedere chiarimenti sulla prossima entrata in funzione di un sistema di prenotazione che coinvolgerebbe direttamente le farmacie della Regione.
«L'attuale progetto non tiene conto minimamente delle esigenze e dei reali problemi dei cittadini», sostiene il consigliere. «Non ci si può dimenticare che molti cittadini residenti nelle zone dell'entroterra hanno già delle oggettive difficoltà logistiche di spostamento, senza che vengano gravati di altri problemi». Di Paolo ritiene lodevole il progetto ma «bisogna però tenere presente che ogni novità deve essere ben studiata onde evitare il proliferare di disservizi dovuti ad una scarsa attenzione in fase di programmazione».
Il consigliere si riferisce alla necessità di predisporre un sistema unico di codifica delle prestazioni «mediante un codice alfa-numerico uguale per tutte le Asl Regionali, che identifichi in modo inequivocabile ogni singola prestazione ospedaliera. Fin troppe volte abbiamo sentito di visite o operazioni effettuate, ad esempio, alla gamba sbagliata perché la cartella clinica riportava dati errati».
Di Paolo ricorda poi che il servizio di prenotazione attraverso le farmacie, «altro non è che un sistema che si avvale della rete internet e che, attualmente, moltissimi comuni dell'entroterra non dispongono ancora della connessione a banda larga».


08/06/2007 10.42