Ferrovie. Confcommercio:«inaccettabile sostituire i treni con i pullman»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1175

Ferrovie. Confcommercio:«inaccettabile sostituire i treni con i pullman»
ABRUZZO. La Confcommercio contro i tagli dei collegamenti ferroviari che penalizzerebbero l’Abruzzo. Dalla direzione regionale del sodalizio è partita una lettera indirizzata al dirigente del Trasporto Regionale di Trenitalia, Ing. Maria Giacomia, e per conoscenza al Presidente della Giunta Regionale, Ottaviano Del Turco, in cui si invita a non tagliare collegamenti ferroviari in Abruzzo.
A creare scalpore il taglio dei collegamenti da Pescara verso Sulmona, Vasto, Termoli e Napoli, sostituendoli con pullman.
«Da tempo e da più parti», spiega la Confcommercio, «è stato messo in evidenza che l'eccessivo uso di mezzi su gomma produce effetti indesiderati e dannosi per l'ambiente e la salute umana, oltre a creare un aumento della caoticità della circolazione su strada. La nostra Regione ha bisogno», continua Abruzzo Confcommercio, «di ammodernare e velocizzare le linee ferroviarie esistenti e, nello stesso tempo, aumentare e non diminuire i collegamenti ferroviari, in modo da spostare l trasporto da quello su gomma a quello ferroviario. La sostituzione, poi, di alcuni tratti di collegamenti ferroviari con il trasporto di pullman va ad allungare i tempi di percorrenza, con notevoli disagi per i viaggiatori».
E' il caso del collegamento ferroviario diretto tra Pescara e Napoli, che dovrebbe essere sostituito con l'utilizzazione di un pullman da Pescara a Sulmona e da qui in treno fino a Napoli, con l'aumento del tempo di percorrenza di circa un'ora.
«E' inaccettabile», mette in evidenza l'Associazione, «che mentre si decidono aumenti delle tariffe, si riducono i servizi per gli utenti».
Abruzzo Confcommercio chiede, pertanto, di non tagliare alcun collegamento ferroviario nella nostra Regione, che «è già carente in tal senso ed ha la necessità per il futuro di spostare parte del trasporto su gomma a quello ferroviario».

05/06/2007 9.37

… INTANTO LA REGIONE CONTRATTA…

Un tavolo di lavoro incentrato sulle diverse modalità d'ingresso a Roma nell'ottica di eliminare le difficoltà che attualmente incontrano viaggiatori e pendolari provenienti dall'Abruzzo. E' stato questo il tema della prima delle due riunioni che l'assessore ai Trasporti, Tommaso Ginoble, ha avuto nella giornata di ieri a Roma. Al vertice, al quale hanno partecipato anche l'assessore ai Trasporti del Lazio, Fabio Ciani, le rispettive strutture regionali del settore trasporti, le direzioni regionali di Abruzzo e Lazio di Trenitalia, ed RFI, Rete Ferroviaria Italiana, si è discusso del cambio di modalità ferro/gomma in entrata verso la capitale.
«In particolare», ha riferito l'assessore Ginoble «si è concordato sulla necessità di favorire una virtuosa integrazione dei servizi nel tratto Lunghezza-Roma in modo tale da impedire che l'utenza subisca delle penalizzazioni. Si è trattato di un incontro molto proficuo» ha continuato l'assessore «che produrrà, a breve, risultati concreti nell'intento di collegare meglio il Lazio all'Abruzzo».
Successivamente, l'assessore Ginoble ha incontrato il responsabile della direzione nazionale del trasporto regionale di Trenitalia, Giancarlo Laguzzi, insieme al direttore regionale di Trenitalia, Maria Giaconia, e ad una delegazione di pendolari marsicani.
«In questo secondo incontro» ha proseguito l'assessore ai Trasporti «è stato ipotizzato l'allestimento di uno o due treni dedicati con lo scopo di migliorare la qualità e l'efficienza ed aumentare, al tempo stesso, il numero dei convogli che raggiungono la stazione Termini. Inoltre», ha riferito Ginoble «abbiamo avuto assicurazioni che, nell'arco di sette-dieci giorni, ci sarà un cambio del materiale rotabile nel segno di una migliore qualità».
«Al fine, poi, di ridurre i tempi di percorrenza verso la capitale» ha concluso «è stata valutata l'ipotesi di dare sempre la precedenza negli incroci ai treni dei pendolari».
Intanto, un gruppo misto di lavoro, composto da pendolari e da rappresentanti di Trenitalia, effettuerà il monitoraggio dei tempi di percorrenza dei treni. I pendolari, dal canto loro, si sono detti soddisfatti del taglio operativo avuto dall'incontro. Iniziativa che, unita ad altri piccoli interventi, punta a migliorare sensibilmente le attuali condizioni del servizio di trasporto ferroviario.

05/06/2007 12.09