Consiglio regionale: via libera alla "rottamazione" dei dipendenti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

935

L'AQUILA. E' stato approvato questa mattina a maggioranza dal Consiglio regionale il Disegno di legge per il pensionamento anticipato del personale regionale. Questo vuol dire che gli oltre 200 dipendenti che hanno raggiunto i 57 anni di età e 35 di servizio, potranno andare in pensione. Il massimo della incentivazione è di 15 mensilità lorde.
Secondo una stima, a seconda del livello di inquadramento lavorativo, ai dipendenti andrà un incentivo che varia da 25 mila a 45 mila euro, somma che si aggiunge alla liquidazione normale. Il costo complessivo previsto è di 4,7 milioni di euro.
I voti favorevoli sono arrivati dalla maggioranza di centrosinistra, la minoranza di centro destra si è astenuta.
Ha votato contro il capogruppo della Democrazia cristiana per le autonomie Bruno Di Paolo.
Le domande per usufruire della legge dovranno essere presentate entro 90 giorni dall'entrata in vigore.
Il disegno di legge era molto atteso e gli stessi dipendenti interessati dal provvedimento avevano anche promosso una raccolta di firme.
L'entrata in vigore potrebbe aprire un percorso per la stabilizzazione dei precari regionali, visto che è previsto che sia rimpiazzato il 40% di coloro che andranno in pensione anticipatamente.


02/05/2007 15.31