Acqua pulita nell’ospedale di Nkubu in Kenia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1446

PESCARA. Prende corpo la solidarietà abruzzese in Kenya, uno dei Paesi-simbolo del bisogno di aiuto dell'Africa. Sono stati infatti inaugurati a Nkubu, nel distretto centrale del Meru, le prime strutture per garantire acqua pulita e potabile all'ospedale di Nkubu, finora del tutto privo di impianti idrici adeguati.
Ora, a supportare il lavoro instancabile degli operatori sanitari e parasanitari, ci sono un grande filtro a sabbia speciale, un decalcificatore, un contenitore di sterilizzazione tramite clorinazione, due rotametri regolatori automatici di flusso, un impianto di tubazione ed uno di stoccaggio.
Nelle prossime settimane saranno inaugurati altri due filtri a sabbia speciale.
Al taglio del nastro hanno partecipato i rappresentanti dell'ambasciata italiana in Kenya, accanto ai ministri degli esteri e dell'ambiente del Paese africano ed al sindaco di Nkubu.
In rappresentanza della cooperazione abruzzese c'era il medico della Asl di Pescara Enzo Di Giovanni, responsabile regionale dell'organizzazione non governativa Salute e Sviluppo, che ha ricevuto dalla Regione un finanziamento mirato proprio alla realizzazione delle infrastrutture di supporto all'ospedale di Nkubu.
L'intervento della cooperazione abruzzese è rivolto ad un territorio estremamente colpito dalla carenza idrica. Il 43 per cento della popolazione non ha infatti accesso ad una fonte di acqua potabile, con il risultato che all'espansione allarmante di Hiv, Aids, tibercolosi e malaria, si aggiunge il diffondersi di dissenteria ed epatiti virali. Il progetto abruzzese punta, una volta completato, alla ristrutturazione ed alla riqualificazione completa dei servizi ambulatoriali, materni, di emergenza e di prevenzione, oltre che degli uffici amministrativi, ma anche attività di formazione e prevenzione sul territorio e azioni di sostegno alla zootecnia per l'autosufficienza alimentare ed economica dell'area. Il progetto prevede anche un sistema informativo per l'implementazione di una rete di scambio dati con enti amministrativi e scientifici nazionali ed internazionali.
«La cooperazione abruzzese, oltre a portare nel mondo la grande solidarietà di questa regione, sta dimostrando di essere efficiente, rapida ed efficace» spiega il consigliere regionale Gianni Melilla, presidente del comitato per la cooperazione della Regione Abruzzo, «e quello del Kenya è un esempio lampante anche perché coinvolge un Paese martoriato. Nella mia recente partecipazione al Forum sociale mondiale, svoltosi proprio a Nairobi, sono stato accompagnato dal missionario comboniano Alex Zanotelli nella baraccopoli di Korogocho, ed ho potuto vedere con i miei occhi la tragedia di quella realtà, ma anche la grande voglia di riscatto della gente africana. Ma questa voglia» dice Melilla «va accompagnata dall'impegno economico e logistico dei Paesi occidentali e dalla passione di tanti operatori, volontari, missionari».

30/04/2007 14.02