Cna:«Economia in ripresa, il governo ora sostenga le piccole imprese»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

988

PESCARA. L’invito ad una maggiore attenzione al “paese reale”, e alle piccole imprese in modo particolare. Il rifiuto di qualsiasi riduzione a un rapporto a tre, Governo-Confindustria-sindacati, per la gestione del complessi problemi dell’economia italiana e del suo risanamento, tagliando così fuori il vasto universo delle Pmi a solo vantaggio della grande industria.  
PESCARA. L'invito ad una maggiore attenzione al “paese reale”, e alle piccole imprese in modo particolare. Il rifiuto di qualsiasi riduzione a un rapporto a tre, Governo-Confindustria-sindacati, per la gestione del complessi problemi dell'economia italiana e del suo risanamento, tagliando così fuori il vasto universo delle Pmi a solo vantaggio della grande industria.

 

Così il presidente nazionale della Cna, Ivan Malavasi, intervenendo nel pomeriggio a Pescara alla convention annuale del sistema associativo della Confederazione nazionale dell'artigianato abruzzese, all'auditorium Petruzzi in via delle Caserme.
«C'è una ripresa in atto dell'artigianato in Italia, nonostante in alcuni distretti ed aree permangano ancora delle rilevanti difficoltà – ha spiegato – e nonostante nel governo resista ancora una visione, soprattutto sul fronte fiscale, che sa tanto di caccia alle streghe».
Nel suo intervento, Malavasi ha sottolineato tra i segnali positivi, la rinnovata attenzione del mondo accademico e della ricerca nei confronti della piccola e media impresa.
Un segnale importante, che fa il paio con alcune misure adottate a livello regionale di sostegno alle Pmi, ma anche su una rinnovata strategia unitaria da parte delle principali sigle che rappresentano il mondo dell'artigianato e del commercio: «Da tempo, ormai, abbiamo preso a rappresentare unitariamente, con le altre sigle, i nostri problemi parlando attraverso un unico portavoce».
Quanto all'Abruzzo, Malavasi ha ricordato i successi conseguiti sul piano organizzativo della Cna abruzzese: «Poco meno di 9mila associati nel 2007, oltre 60 milioni di euro di crediti erogati attraverso consorzi fidi e cooperative di garanzia, la nostra struttura regionale ha raggiunto traguardi particolarmente significativi».
L'assemblea della Cna regionale, tradizionale appuntamento primaverile dell'associazione presieduta da Franco Cambi e diretta da Graziano Di Costanzo, è stata occasione per un confronto a più voci sullo stato di salute della piccola e media impresa e dell'economia della nostra regione. Nel corso dell'incontro sono intervenuti, tra gli altri, il professor Andrea Prencipe, della facoltà di Economia dell'università d'Annunzio, che ha parlato dell'innovazione nella micro-impresa e l'amministratore delegato della Delverde, Leonardo Valenti, che ha spiegato alla platea Cna i più moderni sistemi di gestione delle risorse umane in una azienda industriale.

21/04/2007 9.03