Anche le Asl d’Abruzzo organizzano visite gratuite per la giornata del rene

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1356

ABRUZZO. Ricorre oggi la giornata mondiale del rene. In Abruzzo, come hanno spiegato il professor Mario Bonomini, responsabile del registro Abruzzo di dialisi e trapianto, ed il dottor Francesco De Deo, referente regionale della Società Italiana di nefrologia, si registra un costante incremento del numero di pazienti in terapia sostitutiva renale (dialisi e trapianto).
Le persone affette da queste patologie sono prevalentemente uomini e, in particolare, anziani.
Basti pensare che oltre la metà dei soggetti in terapia dialitica è ultrasessantacinquenne e, attualmente, la fascia maggiormente esposta è quella degli ultrasettantacinquenni.
In Abruzzo, sono 920 i pazienti che devono sottoporsi a trattamento dialitico cronico.
Nel 2003 erano 865. Sono 230, invece, coloro che hanno subito trapianti.
Un fenomeno che incide sensibilmente anche sul piano economico dal momento che circa il 2,5% delle risorse del Fondo Sanitario Nazionale sono destinate alle terapie dialitiche. Inoltre, si calcola che una persona su dieci potrebbe avere un danno renale cronico.
Intanto, per oggi tutte le Asl d'Abruzzo hanno previsto iniziative collegate alla giornata del rene e quasi tutti gli ospedali regionali apriranno ai cittadini i reparti di nefrologia per l'effettuazione di esami e per fornire informazioni. Infine, a Pescara, in piazza della Rinascita, ed a Chieti, in piazza G.B. Vico, saranno presenti delle postazioni dove personale medico specializzato effettuerà gratuitamente il controllo della pressione arteriosa, l'esame delle urine oltre a dare ogni tipo di informazioni.

07/03/2007 15.15