Assistenza alla maternità: 200mila euro alle Province

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

856

ABRUZZO. E' pari ad euro 200.000 la somma,in materia di assistenza alla maternità ed all'infanzia, destinata alle Amministrazioni Provinciali che la erogheranno ai Comuni. Il 30 giugno 2007 è il termine ultimo entro il quale i Comuni devono fare richiesta del contributo.
Lo rende noto l'assessore alle Politiche Sociali, Betty Mura, a seguito dell'approvazione, da parte della Giunta,del relativo provvedimento.
«Le modalità di assegnazione», afferma Mura, «avvengono mediante ripartizione di un quinto dell'apposito stanziamento previsto in bilancio ed in ragione della rispettiva popolazione residente risultante dai dati Istat dell'anno 2005».
E' questa la ripartizione delle somme alle Province: a Chieti andranno 59.980 euro (popolazione riferita al 2005: 391.470); a L'Aquila 46.748 (popolazione : 305.101); a Pescara euro 47.491 (popolazione 309.947); a Teramo euro 45.781 (popolazione 298.789).
La Giunta ha stabilito che le Province devono utilizzare, sempre per l'annualità in corso, le eventuali somme residue realizzate da alcuni Comuni beneficiari che hanno speso una somma superiore a quella assegnata. Le funzioni in materia di assistenza sono state trasferite alle Amministrazioni Provinciali a seguito dello scioglimento dell'Opera Nazionale Maternità e Infanzia avvenuta in base alla legge nazionale del 1975.
La legge regionale n.102/88 stabilisce, invece, che l'erogazione dei contributi sia realizzata dalle Province.

28/02/2007 16.01