Comuni esasperati dalle deleghe sul demanio marittimo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

922

ABRUZZO. Su iniziativa di Anci-Abruzzo, si sono riuniti nei giorni scorsi a Vasto i Comuni della "Costiera Abruzzese" per trattare, tra l'altro, il problema della gestione della delega regionale sul Demanio marittimo.
Tutti gli Amministratori presenti hanno duramente denunciato il perverso meccanismo dell'attribuzione delle deleghe regionali agli Enti Locali: «da un lato si assegnano ai Comuni nuovi compiti importanti ed onerosi e dall'altro si privano gli stessi Comuni sia dei fondi necessari per gestire le deleghe che del personale per garantire lo svolgimento istruttorio delle nuove responsabilità».
I Comuni costieri che anni fa hanno attivato immediatamente la delega sul demanio marittimo senza far soffrire al sistema turistico balneare le conseguenze della mancanza di fondi e di personale sacrificando così anche altri settori comunali allo scopo di sostenere l'economia turistica, ora sono esasperati.
Già oggi diversi Sindaci della "Costiera Abruzzese" hanno formalmente comunicato alla Regione che «non vogliono più gestire la delega demaniale a queste condizioni e su questa strada anche a Vasto altri Sindaci hanno preannunciato identico proponimento. La Regione deve intervenire immediatamente per rimuovere tale profondo disagio esistente nei rapporti istituzionali ed a tale scopo, al termine della riunione, si è deciso di prospettare al Governo Regionale ed in particolare all'Assessore al Turismo, l'esigenza dell'approntamento di un progetto di legge che assegni ai Comuni della costa, a parziale ristorno delle somme da questi già spese, un contributo straordinario in attesa che – capofila la stessa Regione Abruzzo – si apra immediatamente un contenzioso delle Regioni italiane con il Governo al fine di modificare strutturalmente il riparto dei proventi degli oneri concessori tra lo Stato e le Regioni e tra queste ed i Comuni cui fanno capo tutti i costi immaginabili per tenere alta ed adeguata l'offerta nazionale del mare».

30/01/2007 14.09