Parco Nazionale, stabilizzati 76 lavoratori precari

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1024

ABRUZZO. Si sono concluse in questi giorni le prove concorsuali per la selezione del personale fuori ruolo da stabilizzare nell’organico dell’Ente, bandite in esecuzione dell’art. 11 della Legge 248 del 2 dicembre 2005.
La selezione ha interessato 76 lavoratori precari che potranno così stipulare con l'Ente un contratto a tempo indeterminato ed essere stabilmente inquadrati nei profili professionali previsti dal nuovo assetto organizzativo.
La commissione ha esaminato e selezionato i concorrenti sulla base di una graduatoria di merito per singole qualifiche. Inoltre la commissione ha esaminato e selezionato il personale di ruolo, in corsa per la copertura di 13 profili professionali, con la procedura della progressione interna.
Il Direttore Aldo Di Benedetto esprime la sua piena soddisfazione per a conclusione di una vicenda che definisce «annosa e tormentata» e aggiunge che «negli ultimi cinque anni mi ha coinvolto in prima persona per ricostruire e ricondurre nella normalità i rapporti di lavoro con oltre 71 lavoratori precari, nel fine primario di garantire la piena funzionalità dei servizi dell'Ente. E' stato un percorso sofferto – secondo il Direttore – in cui l'Ente ha dovuto investire anche in azioni di riqualificazione professionale attraverso corsi di formazione, al fine di migliorare le performances degli operatori. I recenti corsi e concorsi sono stati l'occasione per dare all'Ente nuovo impulso di qualificazione di funzioni e ruoli in un preciso contesto di legalità e normalità».
Il Commissario Straordinario Giuseppe Rossi ha inviato una lettera di felicitazioni a tutto il personale interessato comunicando la sua grande soddisfazione e porgendo un saluto affettuoso e cordiale.
Il Commissario ha nel contempo auspicato, dichiarando di esserne certo, la piena disponibilità, l'impegno, la professionalità, la partecipazione e la lungimiranza di tutto il personale dell'Ente per affrontare e superare difficoltà e problemi che il Parco potrà incontrare nel prossimo futuro nelle iniziative e nelle azioni di rilancio della Istituzione e nelle attività di Conservazione della Natura e di Sviluppo delle Comunità locali.
La commissione d'esame era composta dal dottor Aldo Casentino in qualità di Presidente di commissione, Direttore generale del Ministero dell'Ambiente, dall'Ingegner Giorgio Morelli, Coordinatore del CTA CFS del Parco Nazionale del Gran Sasso Laga, dalla Dottoressa Annabella Pace, funzionario della Regione Abruzzo e dal Dott. Aldo Di Benedetto, Direttore del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.

23/01/2007 9.08