Un marchio per certificare l’eccellenza dell’artigianato abruzzese

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1423

ABRUZZO. Un marchio per certificare l'eccellenza nel settore dell'artigianato artistico e tipico abruzzese. E' l'obiettivo del progetto "Abruzzo arte artigiana", cofinanziato con fondi Docup, e ideato dalla società One Group in collaborazione con l'Università di Torino. Il progetto, proposto dall'assessore alle Attività produttive, Valentina Bianchi, parte in via sperimentale nel settore agroalimentare ma è ampiamente applicabile: tessile, pelletteria,legno, metallo, ceramica, vetro, plastica, commercio e servizi.
In fase attuativa, il progetto si concluderà a maggio, con la elaborazione di un disciplinare delle attività dell'artigiano.
«Riteniamo che l'approccio di tipo comportamentale, come la individuazione di una metodica, di tecniche di lavorazione ma anche l'ingredientistica, per esempio, possa garantire meglio sia le nostre produzioni di qualità, sia il consumatore», ha commentato l'assessore Bianchi, secondo cui l'eccellenza delle produzioni promuove un vero e proprio sistema di garanzie nei confronti del territorio, inteso come unicità di valori ambientali, turistici, e culturali.
«Le crisi aziendali ci impongono di gestire il settore dell'artigianato con una diversa ottica - ha aggiunto - a maggior ragione se si tiene conto del fatto che l'artigianato è espressione del territorio e sempre più offre opportunità di lavoro a donne e giovani».
L'iniziativa, come ha spiegato il presidente di One group, Francesca Pompa, si ispira al percorso intrapreso dalla Regione Piemonte, che già dal '97 si è dotata di una legge di settore che promuove il marchio e contestualmente fissa regole per le attività e le produzioni artigiane.
«L'idea proposta - ha aggiunto Pompa - intende offrire anche spunti di riflessione su un diverso modello turistico».
Dello stesso avviso Giovanni Peira, docente al Dipartimento di Scienze merceologiche dell'Università di Torino, per il quale il progetto deve essere uno strumento «per riempire di diversi contenuti il concetto di territorio».
Il marchio - saranno i risultati di questionari rivolti a 1000 cittadini consumatori e a 1500 aziende ad orientare la scelta tra quattro proposte ("Abruzzo Arte artigiana", "Abruzzo sapienze artigiane", "Abruzzo maestri artigiani", "Artigianato eccelso abruzzese") - oltre a promuovere l'artigianato artistico, tipico e di qualità, tutelerà il patrimonio storico e culturale legato alla produzione artigiana, innoverà le produzioni, caratterizzandole e garantendone l'origine, offrirà garanzie ai consumatori clienti.
Il questionario somministrato ai 1000 consumatori intende verificare il grado di conoscenza dell'artigianato locale. A carattere prettamente informativo, invece, è quello rivolto alle 1500 aziende. Il progetto, come è stato specificato, intende anche sensibilizzare e coinvolgere la base associativa.

16/01/2007 13.59