Il Giornale ed Il Corriere scoprono fotografo e vignettista istituzionali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6168

ABRUZZO. "Capitan Abruzzo", è il bimestrale a fumetti che la Giunta regionale dedica interamente al mondo della scuola, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale per l'Abruzzo. Una novità assoluta nel panorama editoriale nazionale che intende proporsi come strumento flessibile e versatile di dialogo e di scambio fra le scuole e, fra esse e l'istituzione regionale. Capitan Abruzzo viene diffuso negli istituti di ogni ordine e grado coinvolgendo direttamente gli studenti. Per l'allestimento grafico ed editoriale della nuova testata è stato costituito un comitato tecnico-scientifico che integra la redazione giornalistica. Questa è la presentazione dell'iniziativa editoriale sul sito ufficiale della Regione. Da qualche giorno l'argomento è arrivato sulle pagine dei quotidiani nazionali grazie ad una ricerca sul web. 
ABRUZZO. "Capitan Abruzzo", è il bimestrale a fumetti che la Giunta regionale dedica interamente al mondo della scuola, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale per l'Abruzzo.
Una novità assoluta nel panorama editoriale nazionale che intende proporsi come strumento flessibile e versatile di dialogo e di scambio fra le scuole e, fra esse e l'istituzione regionale.
Capitan Abruzzo viene diffuso negli istituti di ogni ordine e grado coinvolgendo direttamente gli studenti.
Per l'allestimento grafico ed editoriale della nuova testata è stato costituito un comitato tecnico-scientifico che integra la redazione giornalistica.
Questa è la presentazione dell'iniziativa editoriale sul sito ufficiale della Regione. Da qualche giorno l'argomento è arrivato sulle pagine dei quotidiani nazionali grazie ad una ricerca sul web.

 



Il giornalismo ha davvero delle strane logiche: è imprevedibile, è illogico, ti sorprende e ti sconcerta.
Ma certo noi non siamo in grado di spiegare il perché.
Quello che possiamo ancora una volta fare è solo registrare i fatti e magari rimanere sconcertati noi stessi per come reagisce e si comporti l'informazione locale.
Succede che qualche giorno fa un giornalista del quotidiano il Giornale (quotidiano della famiglia berlusconiana di orientamento di centrodestra) fa una ricerca sul web (che pare vada molto di moda ovunque tranne che nella nostra regione) e viene colpito da una nostra vecchia inchiesta che riguardava il famoso fotografo e vignettista istituzionali voluti dal presidente della Regione Ottaviano Del Turco.
Il giornalista Paolo Bracalini, evidentemente molto più attento di tanti suoi colleghi che avrebbero potuto conoscere la storia molto tempo prima, legge con attenzione i nostri tanti pezzi sull'argomento inseriti nell'archivio di PrimaDaNoi.it, fa qualche telefonata ben assestata e pubblica il suo pezzo il giorno dopo.
Ma le notizie trapelate (oltre che essere molto simili a quelle già da noi pubblicate) per l'Abruzzo (pardon, per i lettori di PrimaDaNoi.it) non sono affatto nuove…. Anzi tutta roba vecchia.
Ma al Corriere non lo sanno e sfogliando Il Giornale la notizia viene giudicata carina - come fanno un vignettista e un fotografo istituzionali pagati oltre € 100.000 a non fare notizia?- e infatti il giorno dopo il Corriere della Sera riprende la notizia. Senza alcuna sostanziale aggiunta.
Il risultato: due giornali nazionali ad oltre un anno di distanza dalle polemiche portano all'attenzione della nazione il caso di Capitan Abruzzo.
Verrebbe da dire meglio tardi che mai…
E' facilmente comprensibile che giornali nazionali non si mettano a fare ricerche sul web ogni giorno per cercare notizie interessanti e simpatiche dalle diverse regioni (anche se ne troverebbero moltissime), figurarsi quelle del “tranquillo Abruzzo” dove “non succede quasi mai nulla” e quando succede stranamente nessuno ne parla (scandali Fira e Montesilvano) ma il giornalismo è strano si sa.
Certo per i lettori di PrimaDaNoi.it questa è storia vecchia ma solo perché all'epoca abbiamo ritenuto “notiziabile” quel fatto di interesse pubblico sotto diversi punti di vista.
Peccato che non lo si possa dire di tutti i lettori di quotidiani della nostra regione i quali probabilmente ignorano l'argomento.
Quello che francamente davvero ci sconcerta è il fatto che subito dopo gli articoli dei giornali nazionali, molto diffusi, che arrivano nei quattro angoli della nostra penisola -e certo non creano gioia a chi ci governa-, il quotidiano più letto d'Abruzzo, pubblica un articolo dove l'unica notizia nuova è che proprio due giornali hanno raccontato del fotografo del vignettista istituzionali, riprendendo la polemica vecchia come se fosse attuale.
Ovviamente c'è molta cura nell'ascoltare i vari protagonisti per dar loro voce, così come fra l'altro abbiamo fatto noi oltre un anno fa, ed è francamente confortante sapere che dopo un anno gli interessati dicano sempre le stesse cose.
E' inutile dire che noi proprio non riusciamo a spiegarci come mai solo oggi si debba scrivere di questo esempio di utilizzo di soldi pubblici.
Non c'è nulla di nuovo, in fondo, se non che almeno ora (a differenza di quando scrivemmo) ci possiamo leggere le mirabolanti avventure di Capitan Abruzzo.


a.b.



IL GIORNALE

IL CORRIERE DELLA SERA  
IL CENTRO
TUTTI I NOSTRI ARTICOLI SULL'ARGOMENTO
 
LA NOSTRA INCHIESTA ALLA QUALE HA ATTINTO IL GIORNALE

CAPITAN ABRUZZO SU GOOGLE
 

08/01/2007 14.00