«Triplicati i fondi per la cooperazione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

986

ABRUZZO. In tre anni i fondi per la cooperazione internazionale della Regione Abruzzo sono triplicati. È il dato più importante emerso nel corso della seconda Conferenza regionale sulla cooperazione internazionale che si è aperta stamane all'Aquila. L'appuntamento serve a fare il punto della situazione della cooperazione abruzzese e soprattutto studiare le prospettive che attendono un settore importante della politica regionale.
I lavori della Conferenza, alla quale tra gli altri hanno preso parte il viceministro degli Affari esteri Ugo Intini, il presidente dell'associazione nazionale Ong italiane, Sergio Marelli, e la premier della Provincia di Eastern Cape del Sud Africa, Nosimo Balindlela, sono stati aperti dal presidente della Regione, Ottaviano Del Turco.
Il presidente ha sottolineato come «la cooperazione internazionale sia tra i punti principali dell'azione amministrativa della Giunta».
«I nostri sforzi finanziari sono sotto gli occhi di tutti - ha detto - perché dai 586 mila euro del 2003 si è passati al milione e 700 mila euro del 2006. Il nostro ringraziamento - ha aggiunto Del Turco - va a tutti quei volontari che vanno a combattere la speciale guerra contro la fame, ma va anche a tutti i piccoli amministratoti del territorio sempre sensibili ad iniziative di cooperazione».
Il presidente ha poi voluto riservare un plauso particolare al rappresentante della Repubblica del Sud Africa, il presidente della provincia di Eastern Cape, Nosimo Balindlela.
«La premier mi ha ringraziato per gli aiuti della nostra regione, ma è l'Abruzzo che la saluta e la ringrazia per quanto ha fatto il suo popolo, che è riuscito a cancellare l'apartheid, vera e propria vergogna della nostra generazione».
La Conferenza è stato poi caratterizzata dalla relazione di Gianni Melilla, presidente del Comitato per la cooperazione internazionale della Regione. Melilla ha annunciato che «si sta lavorando per migliorare la legislazione regionale in materia di cooperazione internazionale» e che questo cambiamento «verrà fatto con l'insieme del mondo abruzzese che opera nella cooperazione, tenendo a mente anche le nuove indicazioni normative che vorrà dare il ministero degli Affari esteri».

20/11/2006 15.54