«Dopo l’assunzione di 200 Cococo senza concorso la Regione si dà regole»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1228

ABRUZZO. «Sul problema dei Cococo la Giunta regionale ha la coda di paglia».
E' questo il commento del consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Tagliente.
Soltanto 8 giorni dopo l'annuncio della interrogazione sui Cococo dello stesso Tagliente, persone assunte per chiamata diretta «e per di più imparentati con dirigenti e funzionari» la Giunta regionale ha adottato la delibera n.1171, con la quale stabilisce a partire dal 2007 norme di evidenza pubblica (concorso) per l'assunzione dei Cococo.
«Oltre che essere un'implicita ammissione di colpa per quanto fatto fino ad oggi – si parla di circa 200 assunti - è anche una bella trovata, non c'è che dire – prosegue Tagliente – tanto ormai gli organici sono pieni, il grosso della truppa è già stato imbarcato e forse qualche altro colpo è in preparazione per la fine dell'anno, per cui dal 2007 i concorsi non serviranno più. E tutti gli altri giovani esclusi da questo vergognoso circuito che fanno? A questo punto – conclude Tagliente – l'Assessore D'Amico deve dire a me ai cittadini abruzzesi, perchè ormai questa vicenda configura un vero e proprio allarme sociale - quanti sono i Cococo assunti in regione per ciascun assessorato, i loro nomi e cognomi e le procedure utilizzate per la loro assunzione».

17/11/2006 12.43