Nasce lo sportello "Non solo Mobbing"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

887

ABRUZZO.Saranno a disposizione delle lavoratrici donne sindacalisti, esperti delle pari opportunità, avvocati, psicologi.

La responsabile del progetto Gianna De Amicis, assicura: «Più che uno sportello, è un luogo della serenità dove poter parlare dei propri problemi con "amiche" competenti, un modo tutto nuovo per affrontare e debellare le troppe incomprensibili difficoltà che la donna ancora è costretta a sopportare».
In un mercato del lavoro dove la precarietà la fa ormai da padrone si è ancor più evidenziato il malessere e le difficoltà per la donna. Per questo l'Ugl-Donne Abruzzo ha voluto costituire un punto di incontro, di ascolto, di tutela e di denuncia che si chiamerà "Non solo mobbing" a testimoniare che il Mobbing autentico pesante macigno che incombe sulle donne non è purtroppo il solo dei problemi. Questa struttura si avvarrà da subito di sindacalisti, esperti delle pari opportunità, avvocati e psicologi e tenterà di offrire un punto di riferimento costante, professionale e sensibile.
«Sono tante le denunce che ci arrivano da donne costrette a sopportare difficoltà e discriminazioni», continua De Amicis, «ma troppe quelle che per paura rimangono nell'anonimato. Compito nostro sarà appunto offrire a tutte loro l'occasione di poter ritrovare la giusta serenità e la giusta dignità nel posto di lavoro».
Per il Segretario Regionale della Ugl Geremia Mancini «questo sportello, presto operativo in tutte le province, consentirà di riportare nelle regole un mondo del lavoro che, soprattutto per le donne, le regole non intende rispettarle. Soprattutto nelle piccole aziende il peso del "ricatto" occupazionale fa che il datore di lavoro possa imporre "regole" insopportabili per un mondo dove determinate conquiste non possono essere svendute».
Ora occorre trovare solo il coraggio per denunciare e farsi aiutare.

12/10/2006 12.13