Tutto quello che dovremmo sapere sull’allattamento

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3658

PESCARA. Ci sono 101 modi tramite i quali le compagnie produttrici convincono le madri ad usare prodotti commerciali per nutrire i loro bambini piuttosto che attraverso la modalità più naturale: l'allattamento. E’ iniziata la settimana di sensibilizzazione al problema. Le iniziative di Pescara.

PESCARA. Ci sono 101 modi tramite i quali le compagnie produttrici convincono le madri ad usare prodotti commerciali per nutrire i loro bambini piuttosto che attraverso la modalità più naturale: l'allattamento. E' iniziata la settimana di sensibilizzazione al problema. Le iniziative di Pescara.


Il Melograno – centro informazione maternità e nascita – è un'associazione nazionale con sede a Pescara, che si occupa di promuovere l'informazione e la pratica dell'allattamento materno offrendo consulenze e sostegno a tutte le mamme.

Milioni di vite infantili potrebbero essere salvate se le compagnie rispettassero le regole.
Quest'anno la Settimana mondiale per l'Allattamento Materno (1-7 ottobre) si occuperà di queste regole, che si applicano alle ditte produttrici di latte artificiale, in ogni Paese.
La Settimana mondiale per l'Allattamento Materno (SAM) è celebrata ogni anno in 120 Paesi di ogni parte del mondo, focalizzandosi su uno specifico tema.
Quest'anno il tema è “Occhio al Codice: 25 anni di protezione dell'allattamento al seno”, che pone l'attenzione sul Codice di Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno (il Codice). Questo Codice è stato adottato 25 anni fa dall'Assemblea Mondiale della Sanità per proteggere le mamme e i loro bambini.
È stato e continua ad essere una delle raccomandazioni più ardentemente dibattute di
tutti i tempi.
«Le compagnie produttrici spendono milioni di dollari nella promozione dei loro prodotti perché questo dà loro dei risultati», dice Yeang Joo Kean, consulente legale dell'ICDC (International Code Documentation Centre – Centro Internazionale di Documentazione sul Codice), «le loro vendite crollerebbero se non si facessero pubblicità. Ma la promozione commerciale è in diretta competizione con l'allattamento e questa è una brutta cosa».
«Le autorità sanitarie», dicono all'associazione pescarese Il Melograno, «sono d'accordo che l'allattamento al seno è da solo l'intervento più efficace per la salute infantile; è stato dimostrato che fornisce un nutrimento ottimale e ha un effetto protettivo contro l'obesità, le infezioni respiratorie e la diarrea, contro le allergie, le malattie cutanee e l'asma. Per giunta, alcuni studi mostrano che i bambini nutriti al biberon non sono così brillanti come i loro omologhi allattati al seno. Il Codice proibisce pratiche promozionali come pubblicità, etichette imprecise, donazioni di
campioni, poster, calendari e omaggi alle madri, alle infermiere e ai medici».
Gli Stati dovrebbero recepire queste regole nelle loro legislazioni nazionali o predisporre misure simili per proteggere le mamme e i bambini dall'essere bombardati da delle pratiche di marketing non etiche.
Più di 70 Paesi l'hanno fatto, ma le ditte produttrici non sempre rispettano le regole.

«Se più persone sono consapevoli dell'esistenza di queste regole», spiegano ancora al Melograno, «più persone protesteranno quando le ditte commettono violazioni al Codice, e più governi saranno spronati ad agire, e meno le compagnie oseranno pubblicizzare i loro prodotti. Il risultato sarà che più mamme e bambini saranno protetti. Quest'anno durante la settimana mondiale per l'allattamento questo messaggio per proteggere l'allattamento risuonerà nelle comunità ricche come in quelle povere, al nord e al sud in più di 120 Paesi.
Il Codice non proibisce la vendita di prodotti, richiede solo che cessino le pubblicità ai prodotti,
cosicché le famiglie ricevano informazioni oggettive e possano decidere per il meglio.
Dopo 25 anni: Solo 32 Paesi hanno promulgato legislazioni che recepiscono tutti o quasi tutti gli articoli del Codice Internazionale e le sue successive risoluzioni – calorose congratulazioni a
questi Paesi; Ulteriori 44 hanno leggi che controllano in modo parziale la commercializzazione dei
sostituti del latte materno; a questa categoria appartengono gli Stati membri dell'Unione
Europea, le cui leggi non sono abbastanza forti; 18 Paesi hanno un codice spontaneo o una politica sanitaria pubblica che include quasi tutti gli articoli del Codice, ma molti di questi mancano di dispositivi per farli rispettare».

Una recente ricerca ha mostrato che le compagnie spendono mediamente 30$ all'anno per ogni
bambino nella promozione dei loro prodotti, mentre il governo spende solo 21 cents a bambino
per la promozione dell'allattamento al seno, chiara prova di come la bilancia penda dalla parte
sbagliata.

LE INIZIATIVE A PESCARA.

DA LUNEDÌ 2 A VENERDÌ 6 OTTOBRE DALLE ORE 9,30 ALLE ORE 13,00:
Spazio aperto al melograno: potranno rivolgersi alla sede del melograno tutte le mamme in gravidanza, le mamme che hanno partorito da poco tempo, le mamme con bambini piccoli,a tutti coloro interessati alla tematica, per prendere opuscoli, pieghevoli e materiale informativo sulle tematiche dell'allattamento materno.

DA LUNEDÌ 2 A VENERDÌ 6 OTTOBRE DALLE ORE 9,30 ALLE ORE 13,00:

consulenze individuali gratuite sull'allattamento materno (previo appuntamento) riservate alle mamme in gravidanza e alle mamme con bimbi piccoli.

MARTEDÌ 3 OTTOBRE DALLE ORE 16,00 ALLE ORE 17,30
gruppo d'incontro "mammeinsieme" riservato a tutte le mamme che dopo il parto desiderano condividere l'esperienza della maternita' e dell'allattamento con un gruppo di altre mamme (le peer counsellor del melograno).

MERCOLEDÌ 4 OTTOBRE ALLE ORE 11
"occhio al Codice: 25 anni di protezione dell'allattamento al seno"
incontro con la dr.ssa Mariachiara Sgarrella - pediatra neonatologa,unica consulente IBCLC (International Board of lactation Consultant Examiners) per l'Abruzzo.

Gli incontri sono gratuiti ed aperti a tutte le persone interessate alle tematiche dell'allattamento materno

info: www.melogranope.org

02/10/2006 9.48