Un protocollo per sviluppare sinergie tra imprenditori, scuole e università

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1702

L’AQUILA. Trasferire i dati propri della conoscenza nel mondo imprenditoriale e del territorio. È l'obiettivo principale del protocollo d'intesa che ieri l'assessore alla Formazione, Fernando Fabbiani, ha sottoscritto con il presidente della Conferenza dei rettori delle Università abruzzesi, Fernando Di Orio, e il Sovrintendente scolastico regionale, Nino Santilli.
Nella sostanza, il protocollo avviato è un momento di collaborazione tra la Regione Abruzzo, le Università abruzzesi e il sistema scuola regionale per trasferire «le opportune conoscenze e i processi innovativi direttamente nel sistema produttivo regionale».
In particolare, sono stati previsti due generi di interventi: il "progetto regionale formazione tecnico-scientifica", volto a promuovere la conoscenza scientifica presso gli studenti delle scuole medie superiori attraverso il coinvolgimento diretto delle loro famiglie; e il "progetto In_Co: azioni integrate per lo sviluppo di intermediari della conoscenza tecnologica, organizzativa e gestionale", che mira a creare la figura dell'intermediario della conoscenza e soprattutto guarda con attenzione ai ricercatori universitari e dottori di ricerca per favorire il trasferimento dei dati sul sistema delle imprese.
«Siamo di fronte ad una collaborazione importante - ha spiegato l'assessore alla Formazione Fernando Fabbiani -, perché l'accordo con le Università e il sistema scolastico regionale ci permette di pensare una formazione specifica che poi trasferiamo al mondo delle imprese. Non è un caso - prosegue l'assessore - che il protocollo guarda principalmente al settore scientifico, che poi è quello al quale principalmente si rivolgono le aziende e che soffre un momento di crisi in Italia per il fatto che gli studenti scelgono soprattutto Facoltà con indirizzi umanistici».
Per il progetto di formazione scientifica è stato chiesto uno stanziamento di 4 milioni 100 mila euro; mentre per il progetto In_Co, che tra gli altri prevede azioni per gli intermediari della conoscenza e per i corsi post-universitari, prevede uno stanziamento di 2 milioni di euro.

04/08/2006 9.06