Bando per 4 progetti volti all’inserimento lavorativo di extracomunitari

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1859

La Regione ha approvato l'avviso per la presentazione di quattro progetti formativi, finanziati sia dal Ministero del Lavoro che dalla Regione, rivolti ai cittadini extracomunitari residenti nei paesi d'origine, interessati ad inserirsi nel mercato del lavoro abruzzese.
I settori interessati sono la pesca e l'acquicoltura, l'agricoltura, l'edilizia, la ristorazione e l'alberghiero.
Le risorse complessive necessarie all'iniziativa sono di euro 319.360 di cui 159.680 derivanti dalle assegnazioni del Fondo Nazionale di Rotazione del Ministero e 159.680 dal POR Abruzzo Obiettivo 3 FSE 2000/2006.
La durata dei progetti è di sei mesi.
I soggetti ammessi alla presentazione delle proposte sono le associazioni che comprendono organismi di formazione accreditati presso la Regione e le organizzazioni di categoria interessate, presenti sul territorio regionale.
L'iniziativa si richiama all'articolo 23 del decreto legislativo n. 268/98 del Ministero del Lavoro e Politiche sociali che prevede «un titolo di prelazione», spiega Fabbiani, «ai fini dell'ingresso in Italia, per motivi di lavoro, a favore di cittadini extracomunitari che abbiano partecipato a programmi di istruzione e formazione professionale nei propri paesi di origine.
L'obiettivo è l'inserimento lavorativo in Italia mirato ai settori produttivi italiani che operano nei paesi di origine».
Il decreto del Ministero ha concesso alle Regioni risorse pari a 5.000.000 (afferenti al Fondo) da destinare alle attività di selezione, istruzione, formazione; ogni Amministrazione inoltre deve assicurare un cofinanziamento nella misura minima del 15%.
«Si è anche tenuto conto, aggiunge l'assessore, dell'esigenza espressa da Federcoopesca
Abruzzo in cui si rappresenta la necessità di preparare in particolare,
extracomunitari senegalesi, da inserire nel comparto della pesca».

BANDO E DETTAGLI
 

28/07/2006 15.17