L’orchestra sinfonica di Pescara in Venezuela

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1342

Tutto esaurito al Teatro “Teresa Carreño” di Caracas per il concerto del 5 luglio dell'Orchestra Sinfonica di Pescara, invitata in Venezuela dall'Ambasciata d'Italia per i lunghi festeggiamenti in occasione dei 60 anni della Repubblica Italiana, nell'ambito del Festival Italiano “Venezuela 2006”.
La tournée dell'Orchestra (la prima italiana a suonare nel Paese sudamericano) è stata possibile grazie ai contributi del Ministero degli Affari Esteri italiano, dell'Ambasciata d'Italia a Caracas, del Cram/Regione Abruzzo, delle aziende italo-venezuelane Astaldi, Ghella e Impresilo, in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura del Venezuela, l'Ice e la Fondazione “Teresa Carreño” della Repubblica Bolivariana del Venezuela.
Diretta dal maestro Pasquale Veleno, l'Orchestra Sinfonica di Pescara è composta da 40 elementi che hanno suonato per quasi due ore davanti al nutrito pubblico fra cui l'ambasciatore Gerardo Carante, il consigliere culturale Alberto Pieri, autorità venezuelane e tanti abruzzesi residenti in Venezuela, rappresentati dal presidente della Federazione degli abruzzesi Francesco Michelangelo e Ana Maria Michelangelo, vicepresidente del Cram Abruzzo.
Con il gruppo musicale, si esibisce anche il tenore Nunzio Fazzini, di Montesilvano (Pescara).
Presente al concerto anche il maestro Antonio Abreu, il grande musicista venezuelano che trent´anni fa ha dato vita a un sistema musicale che salva i giovani dalla strada, dalla criminalità, dalla droga. In Venezuela, grazie ad Abreu, ci sono 100 orchestre giovanili e 90 orchestre infantili.
L'Orchestra Sinfonica di Pescara proseguirà la tournée venezuelana ancora a Caracas, dove oggi, 7 luglio, si esibirà al Centro Italo-venezuelano, e a Maracay, nell'altro Centro dei nostri connazionali residenti in Venezuela, dove suonerà domenica 9 luglio.
Sia il 7 che il 9 luglio si esibirà anche la cantante pescarese Patrizia Perilli, accompagnata dal pianista Sante Centurione, in un'inedita “fusione” fra tutti gli artisti della delegazione abruzzese.

07/07/2006 8.41