Un progetto di legge per unire ricerca e mondo produttivo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

638

Unire ricerca e tecnologia, ricerca e mondo produttivo.
Dovrebbe essere questo lo scopo di un progetto di legge presentato dall'ex governatore Giovanni Pace.
«Con la presente proposta di legge si intende realizzare una sinergia e un collegamento- con la regia della Giunta Regionale- tra i vari Enti che perseguono lo scopo della ricerca», ha spiegato il
firmatario della proposta di legge avente ad oggetto “Disciplina del sistema regionale della ricerca e dell'innovazione”.
«In Regione Abruzzo la politica – afferma Pace- ha preso atto della necessità di valorizzare le risorse scientifiche e tecnologiche locali, renderle più forti, al fine di elevare il livello socioeconomico con lo strumento nobilissimo e utilissimo della scienza. E' avvertita assai la necessità di realizzare un coordinamento strutturale di soggetti istituzionali e privati, oggi disarticolati e quindi con scarse ricadute sul tessuto produttivo. L'interazione tra scienza e tecnologia, tra realtà accademica ed imprenditoriale, è una necessità inderogabile dal momento in cui la capacità innovativa delle imprese, ma anche quella produttiva e competitiva è strettamente correlata alle conoscenze scientifiche e tecnologiche».
La proposta di legge dovrebbe mirare ad integrare in logica sistemica le Università ed i Centri di ricerca presenti sul territorio; far dialogare il sistema della ricerca così come concepito con il sistema produttivo e con la pubblica amministrazione, anche con il fine di promuovere la crescita innovativa ed industriale.
«Un sistema integrato così strutturato», dice Pace, «è capace di dare risposte concrete alle esigenze regionali, quali radicare sul territorio giovani intelligenze qualificate;far emergere e sviluppare l'imprenditoria endogena;attrarre risorse esogene. Ho previsto,pertanto, nell'articolato l'istituzione del coordinamento tecnico regionale per la ricerca e l'innovazione, la convocazione annuale degli Stati maggiori della ricerca e l'istituzione di un nucleo per la valutazione dei progetti e dei programmi di ricerca con risorse di provenienza regionale».
30/06/2006 9.10