Giuseppe Rossi nominato Commissario traordinario del Pnalm

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1084

Giuseppe Rossi nominato Commissario traordinario del Pnalm
Ha preso corpo e sostanza la voce che si ripeteva da più giorni. Giuseppe Rossi di Civitella Alfedena, 59 anni, Direttore di Federparchi è stato nominato Commissario Straordinario dell'Ente Parco Abruzzo Lazio e Molise.
Il Direttore del Parco Aldo Di Benedetto ha accolto con soddisfazione la notizia: «ho avuto modo di conoscere da vicino le sue capacità e competenze in materia di tutela e valorizzazione delle aree protette che, dopo una lunga carriera, lo hanno portato alla Direzione di Federparchi. Ritengo Giuseppe Rossi l'uomo giusto al posto giusto che riuscirà a dare al Parco storico quel nuovo impulso molto atteso. Colgo l'occasione – aggiunge il Direttore – per ringraziare il Dottor Domenico Lupoi che, negli ultimi tre anni, in qualità di Commissario ad Acta prima, Commissario Straordinario poi, ha messo a disposizione le sue competenze, il suo equilibrio e la sua grande esperienza di dirigente della Ragioneria Generale dello Stato per sostenere la Direzione nella difficile e complessa opera di risanamento».
Le prime parole di Giuseppe Rossi sono di apprezzamento per il lavoro svolto fino ad oggi dall'amministrazione del Parco: «Ringrazio Pratesi e il Consiglio Direttivo per tutto quello che hanno fatto in questi ultimi anni. Vorrei incontrare l'ex Presidente Vicario Giovanni Ferrante e avere indicazioni e suggerimenti sulla base della sua esperienza».
Il neo Commissario Straordinario auspica il completamento della procedura per la nomina del nuovo Presidente entro un mese, in modo da predisporre un programma di incontri finalizzato ad elaborare le linee programmatiche del Parco per il prossimo futuro: «Bisogna inserire il Parco storico nel sistema della rete delle aree protette – aggiunge Rossi - per un rilancio nazionale e internazionale; e, per questo, individuare la strada da percorrere insieme a tutti gli attori territoriali».

Il Wwf nazionale ha mostrato apprezzamento per la scelta di Giuseppe Rossi, ma manifesta anche l'auspicio che al più presto si esca «dalla gestione commissariale che non permette il consolidamento della funzione di tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio ambientale del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise e si arrivi subito, entro pochi giorni, alla nomina a presidente dell'Ente».
«E' dal luglio 2005 che il WWF», si legge in una nota del sodalizio, «insieme ad altre associazioni ambientaliste, con nota al ministro dell'ambiente, aveva proposto la candidatura di Rossi alla Presidenza del Parco, dato il grande consenso riscosso, anche a livello locale, per le sue competenze gestionali e la conoscenza dei luoghi. Fulco Pratesi, Presidente del WWF Italia, nel ricordare l'ottimo lavoro del commissario Lupoi (sia come Commissario ad Acta e come Commissario Straordinario), auspica quindi che dalla nomina commissariale si passi al più presto a quella di Presidente».
Il WWF ribadisce che un commissariamento di un Ente Parco deve essere un fatto episodico e di straordinaria necessità.

16/06/2006 8.56