A25: due nuove aree di servizio nei pressi di Pratola Peligna

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1500

AGGIORNAMENTO (13.30)
Due nuove aree di servizio sulla autostrada A25, il gestore Strada dei Parchi si dice d'accordo.
«Abbiamo già informato lo scorso agosto il presidente della Regione», spiega in una lettera il direttore generale di Strada dei Parchi, Igino Lai, «abbiamo già provveduto ad individuare due aree idonee per la loro realizzazione, situate in prossimità di Pratola Peligna in entrambi i sensi di marcia. In questo modo la distanza tra le aree di servizio adiacenti (Brecciarola e Monte Velino) risulterà praticamente dimezzata rispetto ad oggi pari a 46 chilometri. Inoltre abbiamo già avviato gli studi di fattibilità tecnico –economica necessari per acquisire tutte le dovute e numerose autorizzazioni».

Nei giorni scorsi, l'Unione Regionale Abruzzo Confcommercio, che aveva coinvolto tutte le autorità competenti inviando copia del proprio intervento, aveva segnalato i disagi di operatori e utenti, che percorrono la tratta autostradale A25 Pescara-Roma per recarsi da Pescara a Roma e viceversa, nei confronti dei quasi 100 chilometri che separano le due aree di servizio poste nei pressi dei caselli rispettivamente di Chieti-Pescara Ovest e di Magliano dei Marsi.
Si denotavano infatti le immaginabili disfunzioni legate all'impossibilità di usufruire, per un percorso così lungo, dei vari servizi offerti dalle apposite aree, soprattutto per quanto riguarda il rifornimento di carburante, ipotizzando la costruzione di due nuove aree di servizio con i relativi impianti carburanti, ciascuna per il rispettivo senso di marcia, in una zona mediana fra quelle già esistenti, e quindi presumibilmente nei pressi del casello di Sulmona-Pratola Peligna.
«Appare quindi senz'altro comprensibile la nostra soddisfazione», ha spiegato Ezio Ardizzi, «nel riscontrare la piena condivisione da parte della Strada dei Parchi Spa, concessionaria del Gruppo Autostrade per la A24 e la A25, la quale, nel comunicare di aver già posto le basi del progetto per la costruzione delle nuove aree proprio in prossimità dello svincolo di Sulmona-Pratola Peligna, ha confermato la plausibilità della nostra segnalazione e la corretta interpretazione delle esigenze manifestateci al riguardo».
19/04/2006 10.24


AUTOSTRADE PER ROMA, LA PROVINCIA RICORRE CONTRO IL CARO-PEDAGGI

La Provincia di Pescara aderirà al ricorso della Regione Abruzzo e delle Province di Teramo e L'Aquila contro l'aumento delle tariffe sulla rete autostradale A24 e A25 imposto dalla società “Strada dei Parchi” che la gestisce. La decisione è stata presa questa mattina dal Consiglio provinciale che ha approvato all'unanimità l'ordine del giorno presentato da Sandro Di Minco, capogruppo di Rifondazione comunista. «L'aggiornamento delle tariffe del pedaggio deve fare riferimento all'attuazione del programma di investimenti presentato dalla società», ha spiegato Di Minco, «ma in questo caso gli investimenti non ci sono stati. O meglio, non sono stati realizzati nella misura annunciata e in proporzione all'aumento imposto agli automobilisti».
All'unanimità è passata anche la mozione con cui Lorenzo Cesarone, della Margherita, ha invitato la Provincia «ad attivarsi per il restauro dello stabile di Lettomanoppello sede della Fondazione “Città della pietra”, affinché possa essere utilizzato anche per altre manifestazioni.
Sempre nella seduta odierna, Filippo Pasquali, presidente del Consiglio provinciale, ha ufficializzato la nomina di Silvio Cardone a capogruppo dell'Italia dei valori dopo il suo recente passaggio dal gruppo Indipendente al partito di Antonio Di Pietro.
Sono state poi approvate a maggioranza tre variazioni di bilancio per 47mila euro complessivi: il gruppo di Alleanza nazionale due volte si è astenuto e una ha votato contro. All'unanimità sono stati approvati il regolamento per gli esami e il conseguimento delle idoneità d'insegnante di scuola guida e il piano di recupero del centro storico di Farindola.
Rinviati infine all'esame delle commissioni consiliari quattro punti previsti all'ordine del giorno: riguardano debiti fuori bilancio per smaltimento rifiuti, canoni d'affitto di locali scolastici, spese di riscaldamento.
19/04/2006 13.46