Sanità. Passata la tempesta, ora si pensa al riordino del sistema

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

806

«Entro il 20 aprile, alla ripresa dell'attività istituzionale del Consiglio regionale, contiamo di presentare il disegno di legge di riordino del sistema sanitario regionale».
Lo ha annunciato il presidente della Regione, Ottaviano Del Turco, al termine della seduta della Giunta regionale che ha esaminato il testo di legge illustrato dall'assessore alla Sanità, Bernardo Mazzocca.
«In questo modo - ha spiegato il presidente - la Giunta regionale ha voluto imprimere la necessaria accelerazione al disegno di riassetto sul sistema sanitario regionale. Proprio il governo regionale ha invitato l'assessore Mazzocca a proseguire nell'opera di consultazione con i partiti della maggioranza e tutte le associazioni di categoria nel settore sanità. Il nostro obiettivo è tirare le fila della consultazione, licenziare quanto prima il disegno di legge e presentarlo all'esame del Consiglio regionale che a quel punto sarà chiamato a chiudere l'iter in ragione dell'azione di consultazione fatta in precedenza».
Il presidente Del Turco ha insistito sul concetto di accelerazione del progetto di riordino della sanità regionale dopo aver sottolineato che la proposta è stata sottosposta ad un primo esame dei partiti il 6 febbraio, il 15 febbraio alle associazioni di categoria e l'8 marzo depositato alla commissione Sanità del Consiglio regionale.
Il disegno di legge è strutturato, come aveva spiegato l'assessore Bernardo Mazzocca, in sei punti centrali: misure urgenti per aumentare l'appropriatezza dell'uso degli ospedali e per regolamentare settori di assistenza territoriale; un protocollo di monitoraggio continuo sull'appropriatezza dell'uso delle diverse tipologie di assistenza ospedaliera; sviluppo e potenziamento delle attività di day hospital e day Surgery; le linee guida per la costruzione del III Piano sanitario regionale; lo schema per la stesura della legge regionale sull'autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie e socio-sanitarie ed infine il progetto di regionalizzazione della formazione in campo sanitario.

29/03/2006 15.57