Attività produttive: 23 milioni di euro dai fondi Docup

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

849

E' di oltre 23 milioni di euro la dotazione finanziaria dei Bandi Docup Monosettoriali per l'annualità 2005, rivolti a piccole e medie imprese.
Ne ha illustrato i contenuti, questa mattina, a Pescara, nel corso di una conferenza stampa, nella sede di viale Bovio, l'assessore alle Attività produttive, Valentina Bianchi, affiancata dal direttore dell'assessorato, Alfredo Moroni.
«Le graduatorie riguardano l'information tecnology, l'abbattimento del tasso di interesse, la sicurezza negli ambienti di lavoro, la qualità dei sistemi aziendali, i servizi consortili, la partecipazione a mostre fiere, programmi di ricerca, l'innovazione tecnologica ed alcuni progetti pilota» ha riferito l'assessore che si è detta soddisfatta «per la rapidità della fase istruttoria e per l'elevata percentuale di finanziabilità complessiva delle domande».
In totale sono state ben 1846 le istanze e di queste 1564 sono state ammesse alla fase istruttoria. I progetti finanziati sono stati 730 pari al 46,7%.
«Con la rimodulazione delle risorse disponibili per l'annualità 2005, avvenuta nel luglio scorso» ha aggiunto l'assessore Bianchi «si è voluto puntare su azioni che, più di altre, avrebbero potuto suscitare l'interesse delle aziende. E' il caso dell'abbattimento del tasso di interesse, finanziato con oltre 5 milioni e mezzo di euro, del trasferimento tecnologico e dei progetti pilota, entrambi finanziati con 4 milioni di euro ciascuno».
Il prossimo appuntamento è rappresentato dai PIT, i Programmi Integrati Territoriali, per i quali le commissioni di valutazione stanno esaminando in istruttoria ben 5223 istanze.
«La somma da dirottare sull'intero territorio abruzzese, con innegabili effetti sull'economia regionale, ammonta a circa 41 milioni e 200 mila euro» ha annunciato l'assessore «anche se questo dato potrebbe modificarsi a causa della richiesta della Provincia di Teramo di destinare i fondi che la riguardano alla guaduatoria del 2004».
Oltre 1800 istanze sono arrivate dalla provincia dell'Aquila mentre quasi 1000 sono quelle provenienti dalla provincia di Pescara.
«In sostanza, le aziende hanno denotato un enorme fabbisogno finanziario» ha concluso Valentina Bianchi «ma hanno anche prestato grande attenzione ai temi dell'innovazione, delle certificazioni di qualità ed ai livelli di sicurezza. Il che fa ben sperare per lo sviluppo del nostro tessuto produttivo».

16/02/2006 14.45